• Visitatori sul Blog

  • Statistiche

    • 2,741,445 visitatori

Consiglio Comunale: Tributi Italia non è autorizzata al servizio di riscossione tributi

Salvatore Tripoli è un nuovo Consigliere Comunale, succede al dimissionario Salvatore Loria. Mossa che qualche nostro utente aveva anticipato già nel pomeriggio e che ha trovato riscontro.

Al Consigliere Tripoli un augurio di buon lavoro dalla redazione di Misilmeri Blog, ci siamo sforzati di cercare in archivio qualche particolare interrogazione, qualche mozione o qualche proposta del dimissionario Consigliere Loria, ma francamente non abbiamo traccia.

Le sorprese non finiscono qui, visto che il Presidente del Consiglio Domenico Cammarata, comunica che il nostro Sindaco si è laureato, auguri dunque al Dott. Salvatore Badami.

Il neo Dottor Sindaco prende la parola, e dopo aver ringraziato i Consiglieri comunali per avergli tributato un fragoroso applauso, fa un importante avviso alla cittadinanza; “La società incaricata della riscossione dei tributi nel nostro comune la Tributi Italia, già San Giorgio Spa, è stata cancellata dall’albo dei soggetti privati abilitati ad effettuare attività di accertamento e riscossione dei tributi e altre entrate, dunque – prosegue Badami –la società non è più autorizzata a gestire il servizio. Tutti i contribuenti che hanno ricevuto ingiunzioni di pagamento possono rivolgersi all’ufficio di riscossione tributi del nostro comune”

Si apre una girandola di interventi prendono la parola i Consiglieri Carnesi, Gambino, Falletta e il redivivo Raffa. Prova a far chiarezza la Ragioniera del Comune di Misilmeri Giuseppina Barbaccia, che spiega tra le altre cose, che Tributi Italia deve al comune di Misilmeri 1.500.000 Euro!

Prende la parola il consigliere Licciardi, che sollecita un Consiglio Comunale starordinario, “E’ un fatto gravissimo, dove sono stati i controlli ? il debito non nasce di certo oggi! Se un contratto è inadempiente va scisso, da tempo – chiosa Licciardi- la questione è stata sollevata in Consiglio Comunale.” Ci teniamo a sottolineare che la vicenda era stata ampiamente dibattuta il 7 Maggio scorso anche su Misilmeri Blog!

Solidarietà al Premier Silvio Berlusconi è stata espressa dai Consiglieri Carnesi  e Falletta e dal Sindaco Badami. Alle ore 22:53 il Consiglio si interrompe per mancanza del numero legale ed è rinviato a stasera dalle ore 20:00

Annunci

38 Risposte

  1. che vergogna abbiamo un buco di 2 milioni di euro e tutti stanno tranquilli.
    Facciamo una scommessa, vi anticipo cosa succederà, sotto elezioni magari verso marzo aprile formeranno un’altra società di riscossione tributi in cambio di assunzioni. Oggi può sembrare una sciocchezza o una calunnia, ma prego la redazione di andare a riprendere questo mio commento mettendo in evidenza la data se ciò si realizzerà

    GESTIONE RIFIUTI= FALLIMENTO
    SITUZIONE IDRICA=FALLIMENTO
    GESTIONE TRIBUTI= FALLIMENTO

    Continuate a giocare con il c*** dei cittadini…

  2. Allora era tutto vero, la scelta dell’assessore de luca non è stata fatta per premiare i giovani, ma bensì per premiare il consigliere loria visto che è sua nipote. Questo Tripoli se non sbaglio pare essere cugino del Sindaco, beh insomma, un comune a conduzione familiare…e i risultati si vedono… complimenti continuiamo così cà ninnì amo addumannare attipo i barbuna

  3. Non è vero che Loria non ha mai parlato, tendete sempre ad infangare. Una volta nel 2007 ha chiesto 5 minuti di sospensione, ahahahahahahahahahahahahaha

  4. TUTTI BRAVI

  5. la laurea a Totò Badami è per tutti noi un grande insegnamento: mai porre limiti alla provvidenza divina… 😀
    Auguri Dott. Totò

  6. pi comu ******u diploma ****** a laurea! chista è una laurea comu i scudetti rà juventus, appiccica e spiccica!

  7. Indubbiamente lo scandalo tributi ci intristisce…

    Cmq volevo fare i miei complimenti al Pirmo Cittadino,
    Neo dottore tanti auguri!

  8. Sono mini-arcana imperi, i giochetti della politica misilmerese. Meditate………., gentes. Saluti

  9. COMPLIMENTI!!!!!!!!!!!!!! UNA GRANDE LAUREA …………PER UN GRANDE SINDACO…………….

  10. Ha! Ha! Ha! Ragazzi!!
    Se riassumete l’intervento del cons. Licciardi, dovreste riassumere alcuni passaggi importanti dell’intervento del primo cittadino, della rag. Barbaccia e del responsabile dell’ufficio legale.
    Se non lo avete fatto, mi dispiace ma devo ritenerla una piccola scorrettezza.
    L’utenza del vostro blog che ieri sera non ha seguito i lavori del consiglio comunale, senza la completezza di tutte le argomentazioni e comunque cosi come sono stati riportati nell’articolo, avrebbe una visione inconsapevolmente deviata delle vicende.
    Ma vi risparmio la fatica, e il riassunto del dibattito lo faccio io, con poche battute.
    Intanto il consigliere Licciardi, in passato, non ha mai sollevato sull’argomento in questione problemi in commissione, in sede di approvazione del bilancio. Il sindaco ieri sera ha sostenuto di avere dato disposizione, immediatamente dopo il suo insediamento, di verificare la possibilità di rescissione del contratto per le inadempienze già a suo tempo in atto da parte di “tributi italia”, prima Ausonia, poi S. Giorgio, attività non consentita in quanto da sei mesi erano scaduti i termini per invalidare il contratto. La Rag. Barbaccia afferma che l’unica cosa dubbia riportata nel contratto era la possibilità affidata alla soc. di gestione, di incamerare i tributi per conto del comune per poi girarli allo stesso successivamente. La stessa sottolinea poi che il contratto, in questi termini è stato formulato nel 2001, anno in cui, per chi avesse la memoria corta, amministrava la giunta Di Spezio, il contratto poi fu perfezionato e chiuso nel 2002, il risultato dell’attuale giunta e che da giugno i tributi vengono incamerati dal comune e che comunque allo stato attuale il contratto è stato rescisso. L’amministrazione Badami si insedia a Giugno del 2005, ed a conferma delle affermazioni del Sindaco Badami, interviene la Dott. Valeria D’acquisto, responsabile dell’uff. Legale del nostro ente che afferma, in risposta alle richieste di relazionare sull’argomento da parte di alcuni consiglieri, che sarebbe più logico guardare il carteggio prodotto sull’argomento da quando si è insediata l’attuale amministrazione, relazionare …. “ equivarrebbe a scrivere un’enciclopedia”
    Come è facilmente comprensibile l’attuale amministrazione è l’unica, tra gli attori di questa vicenda, a cui non possono essere addossate delle responsabilità.
    Ad ogni modo in Italia, i comuni che oggi condividono lo stesso problema, del comune di Misilmeri sarebbero circa cinquecento (500).
    Mi voglio invece congratulare, con il con. Gambino per il senso di responsabilità con cui ha affrontato la questione, infatti, questi che nell’ultimo periodo non ha risparmiato critiche all’amministrazione, questa volta, accortosi di non poter riscontrare responsabilità nell’operato di questa amministrazione in merito ai fatti in esame, si limita, pacatamente, a dare la propria disponibilità per affrontare con l’amministrazione il problema.
    Grazie per avermi dato la possibilità, se pur limitatamente, di fare chiarezza sull’argomento.
    Saluti.

  11. @ Promis hai fatto bene ad evidenziare questi passaggi.
    Come abbiamo già avuto modo di dire, non tutti i passaggi possono essere percepiti da noi, ieri in particolar modo visto che non ero presente in aula, e anzi ero impegnato a fare tutt’altro…
    Ho cercato di scrivere ciò che ho recepito in generale.
    Il Blog poi serve proprio a questo ad un interscambio di informazioni per cercare di rendere il tutto più chiaro. Specie in argomentazioni così complicate.
    Il tuo contributo è sempre gradito e benaccetto

  12. ME LO CHIAMANO PURE “DOTT.”

    MA STIAMO SCHERZANDO?????

    NON VEDO L’ORA CHE ARRIVI IL MESE DI MAGGIO….

  13. Però nessuno ha detto ai cittadini a quale ufficio dovranno rivolgersi nel mese di Gennaio quando ci sarà da pagare il tributo relativo allo “scarrozzo”.

  14. è comunque scandaloso , dove sono i controllori ?????
    purtroppo se uno come il sindaco diventa dott, cosa ci si può aspettare da gente così ?????????
    siamo vermente alla canna del gas!!!!!

  15. @giuseppecarbone
    Conosci l’arte di arrangiarsi (Libro di Schopenhauer), ecco cosa faranno i misilmeresi ora! Saluti

  16. e finalmente alle 22:00 del 17/12/09 qualcuno ha detto al sindaco durante il consiglio comunale:MA A LEIIIII STA LAUREA COME C’HA RETTERO????????????????????……….VERGOGNAAAAAAAAAA PENSIAMO SOPRATTUTTO ALLE ECCELLENTI PERSONE CHE HANNO GESTITO IN MANIERA ESEMPLARE(DANDO IL CU….E NON RISCUOTENDO STIPENDIO DAL MESE DI AGOSTO)I TRIBUTI LOCALI DEL COMUNE DI MISILMERI..NON RICEVENDO, DURANTE IL CONSIGLIO,NEANCHE UNA PAROLA A LORO FAVORE O CMQ UN ACCENNO………..E ORA….TUTTI A BINNERE LUPPINA!!!????????????????????schifoooo congiuntivi dopo congiuntivi sbagliatiiiii non si possono sentireeeeeeeeeeeee………questo non è nemmeno un “CONSIGLIO”per gli acquisti…e poi il sostituto di Cammarata!!!!!!!!!!!!!!no comment!!!!!!!!!!!!!!!!!!clinicaaaaaaa psichiatricaaaaaaaaaa……..

  17. Non siamo riusciti a seguire il consiglio comunale di questa sera, chiunque voglia inviarci un articolo che descriva i fatti accaduti in modo oggettivo, può farlo.

    Possiamo dirvi che è stato approvato la mozione per un consiglio comune straordinario per il 29 dicembre sulla vicenda Tributi Italia.

  18. caro daniele è giusto chiamarlo dottore perchè si è laureato è ed è giusto che venga chimato per titolo..cmq mi sa che dovrai aspettare oltre maggio perchè secondo me badami sarà sindaco per altri 5 anni te lo dice uno che è contro lui…ricordati un sindaco uscente ha sempre buone speranze di essere rieletto anche se la gente fa guerre poi vedi cosa succede…

  19. dottore si ci diventa studiando non ****** diploma e laurea. questa laurea del sindaco badami, è un’offesa a tutti coloro che si sono rotti il c….. sui libri all’università. non ti considero un dottore.

  20. caro promis, mi sa che tu ricordi le cose che vuoi ricordsare. come tustesso hai detto il contratto con l’ausonia è stato stipulato nel 2002, daL 2002 ad oggi i controlli chi l’ha effettuati? sono satati i commisssari prefettizzi dal 2003 al mese di maggio del 2005. e dal mese di maggio 2005 ad oggi chi ha effettuato i controlli? il Sig. badami, caro promis, il sig. badami è in mano alla ********, vedi la ******* non ha fatto che godere dei benefici dell’ausonia, tu forse non lo sai o fai finta di non saper , i locali dove era ubicata l’ausonia in affitto erano e sono *******, poi sai chi lavorava nelll’ausonia *******, cosi la **** non effettuava nessun controllo e distoglieva il sig. badami a farli visto che il sig. badami era ed è nelle sue grinfe. ora mi spiego perchè hanno mandato a casa l’assessore ingrassia, aveva scoperto qualcosa? come mai caro promis tu che sei informato di tutto queste cose non le sai? e non offendere i laureati chiamando dottore uno che ha frequentato un’università privata. la potevi avere studiando e frequentando una università statale, non so’ se il presidente della commissione a detto la famosa frase “IN NOME DEI POTERI CONFERITEMI DELLA REPUBBLICA LO DICHIARO DOTTORE…..” il sig. badami questa soddeisfaZIONE NON L’HA avuta . perciò ncaro promis racconta la verità, visto che con il tuo articolo hai raccontato solo m…….te e farinafriotta,

  21. @ Promis
    Sull’argomento San Giorgio S.p.A., non posso entrare nel merito perchè sono poco informato, però condivido poco la frase: “Ad ogni modo in Italia, i comuni che oggi condividono lo stesso problema, del comune di Misilmeri sarebbero circa cinquecento (500).” E’ come dire – mal comune mezzo gaudio?
    Noi cittadini che abbiamo ottemperato al versamento dei tributi saremo tutelati?

    Congratulazioni al sindaco per la laurea.
    Ritengo opportuno, sottolineare un ulteriore apprezzamento: studiare, sostenere esami e contemporaneamente amministrare Misilmeri, non è certamente una “passeggiata”.
    Saluti.

  22. Volevo fare un piccolo sunto sul Consiglio Comunale del 17/12/2009! Mi piace pensare che la gente non giudichi gli altri ,e sopratutto non si permetta di insultare chi, merita rispetto! Queste due righe le scrivo per i concittadini di Portella Di Mare , che non possono seguire perche non arriva il segnale tv!IL Consigliere Licciardi dall’alto della sua arroganza , comincia ad urlare ed a inveire contro il primo cittadino, tanto che non si capiva cosa diceva, e naturalmente senza essere interrotto dal vice presidente Consigliere Cusimano !! Ho capito solo che alla fine che diceva :MA COME Fà AD ESSERE LAUREATO!!Io volevo solo ricordare al Consigliere Licciardi che , Il Dott. Salvatore Badami , prima di essere sindaco, era un dirigente della Provincia Regionale di Palermo, mica uno sprovveduto preso e messo afare il sindaco!Preso dalla grande intelligenza e dialettica di Licciardi, sono andato a curiosare quale scienziato fosse per permettersi di offendere , ed ho scoperto che ,non solo non sa dialogare , ma non ha neanche i titoli per permettersi di fare iilazione ,ho capito perchè è tanto bravo a gridare!!Mi preme molto dire ai conpaesani di Portella che uno dei loro rappresentanti va in Consiglio solo per fare caciara e creare sconpiglio , e credo propio che non li rappresenti per niente , in 4 anni e mezzo non ha mai fatto interrogazioni per voi , tranne in pochi casi rari ed isolati !! Cogliete le mie parole perchè sono realtà!!Cordiali saluti ,gianluca…..ALé!!

  23. Ho visto il sunto delle dichiarazione fatte in consiglio comunale dove ognuno ha esposto le proprie ragioni.
    Ad ulteriore chiarezza vorrei esplicitare meglio il senso dell’intervento del consigliere Licciardi, il cui intervento tendeva a mettere in evidenza la gravità dei fatti.

    Bisogna infatti evitare di minimizzare i fatti che hanno conseguenze pesanti sul bilancio del nostro Comune, come su gli oltre 500 comuni sparsi in tutti Italia, e sui circa 1200 lavoratori della Tributi Italia S.p.a., cui va tutta la nostra solidarietà.

    FATTI: Con delibera n. 1/2009 del 9 dicembre 2009 la Commissione per la tenuta dell’Albo dei soggetti privati abilitati ad effettuare le attività di liquidazione e di accertamento e riscossione dei tributi e delle altre entrate delle Province e dei Comuni, di cui all’art. 53, comma 2, del D.Lgs. 15 dicembre 1997 n. 446, ha disposto la cancellazione della società “Tributi Italia S.p.A.”
    Il Ministero dell’Economia e delle Finanze rende noto che a decorrere dalle ore 17:00 del 14 dicembre 2009 la società Tributi Italia S.p.A. non può più svolgere alcuna attività inerente la gestione dei servizi affidati.
    La cancellazione dall’Albo sembra essere l’anticamera del fallimento pilotato della Tributi Italia S.p.A., che avrebbe come conseguenza diretta la difficoltà, se non l’impossibilità, per i comuni di recuperare le somme illegittimamente non trasferite, ed in ogni caso determinerebbe tempi lunghi affinché ciò avvenga.
    La cosa ha invece conseguenze immediate per le casse del comune e per il bilancio, che proprio su questi introiti base gran parte della propria capacità di spesa, con un danno stimabile in un ammanco di oltre 1,5 mln di euro.

    RESPONSABILITÀ: Se è vero, ma questo lo verificheremo dopo aver esaminato il carteggio ed in occasione del prossimo consiglio comunale straordinario, che il Sindaco si è attivato subito dopo il suo insediamento (giugno 2005) di verificare la possibilità di rescindere il contratto, e verificata l’impossibilità, ci si chiede come “solo” dopo oltre quattro anni (giugno- luglio 2009) sia riuscito ad attivare la procedura del cash pooling”, che avrebbe assicurato il versamento del 100% delle entrate nelle casse del comune (cash pooling: “tutte le entrate percepite in futuro dalla società vengono girate interamente alla stessa amministrazione comunale, che a sua volta si impegna nel trattenere sia la parte di propria competenza che quella spettante allo stesso ente dedito alla riscossione dei tributi”).

    DUBBI: ma è davvero così impossibile rescindere unilateralmente un contratto se l’altra parte è totalmente inadempiente?
    Stando ai fatti di cronaca di ciò che è accaduto negli altri comuni sembrerebbe proprio il contrario.
    Forse ci voleva un atto di maggiore assunzione di responsabilità?

    @ promis : Sei proprio sicuro/a che non ci sia nessuna responsabilità da parte di questa amministrazione?
    Il consigliere Licciardi, ma anche altri consiglieri, aveva già sollevato la questione in alcune occasioni, denunciando le possibili gravi conseguenze per il bilancio del comune, identicamente a come era stato fatto, anche dal sottoscritto, in occasione del pagamento dei debiti verso il Coinres.

    A conferma della gravità della situazione vi riporto il testo delle dichiarazione stampa del segretario generale dell’ ANCI Sicilia, Mario Alvano del 16 Dicembre 2009.

    ” Sono in tutto 19 i comuni siciliani che vantano un credito complessivo di milioni di euro con Tributi Italia, la società che, a livello nazionale e su incarico del Ministero delle Finanze, svolgeva il servizio di riscossione dei tributi per poi riversarli nelle casse delle amministrazioni comunali. Questo fino a due giorni fa, perché la commissione ministeriale ha deciso di cancellare la società dall’albo dei riscossori a causa di un debito di circa 90 milioni di euro che la Tributi Italia ha nei confronti di circa 500 comuni sparsi in tutta la Penisola. In pratica, 90 milioni di euro che i cittadini hanno pagato ma che, di fatto, non sono mai stati versati nelle casse comunali.

    L’AnciSicilia, proprio per venire incontro alle esigenze dei comuni coinvolti in questa vicenda, convocherà per i prossimi giorni una riunione con i sindaci per avere un quadro ancora più chiaro sulle problematiche burocratiche e per definire le opportune contromisure da adottare. Inoltre, è stata già predisposta una lettera in cui l’associazione che raggruppa i comuni siciliani sollecita l’intervento dei deputati nazionali eletti nell’Isola, affinché intervengano sul governo nazionale in modo tale da fornire garanzie agli amministratori e ai contribuenti.
    La situazione in Sicilia è sicuramente drammatica perché, a fronte di circa 120 dipendenti della società che rischiano di perdere il posto di lavoro, le amministrazioni locali coinvolte non solo vantano un credito che si aggira intorno ai 15 milioni di euro (interessi esclusi), ma alcune di loro hanno dovuto ricorrere a un prestito per evitare il crack finanziario e, in più, non è ancora chiaro come si affronterà il problema legato all’interruzione di pubblico servizio e se i comuni dovranno attivare una gestione in proprio o aspettare i passi successivi indicati dal Ministero.

    “Stiamo cercando – spiega Mario Alvano, segretario generale dell’AnciSicilia – di raccogliere tutti i dati aggiornati rispetto ai crediti vantati dalle amministrazioni. Confrontando alcune delle cifre, già in nostro possesso, con quelle diffuse, nei giorni scorsi, dal Ministero, ci preoccupa che gli importi siano lievitati, dal momento che le verifiche degli organi competenti sono aggiornate al luglio di quest’anno. In ogni caso, si tratta sempre di cifre allarmanti che rischiano di mettere seriamente in ginocchio i bilanci comunali e che potrebbero riguardare un numero maggiore di amministrazioni che ancora non hanno messo a punto tutte le verifiche del caso”.

    “Ma la cosa che più ci assilla – chiarisce il segretario generale dell’AnciSicilia – è che malgrado per Tributi Italia sia stata definita la decadenza da tutte le sue funzioni, continuano a circolare i bollettini per i pagamenti delle tasse. Questo, non solo mette in difficoltà le amministrazioni, che non hanno chiaro a chi affidare la gestione per la riscossione dei tributi, ma ingenera confusione tra i cittadini, i quali potrebbero continuare a pagare una società che non è più titolata a incassare denaro pubblico”.

    I comuni siciliani coinvolti nello scandalo di Tributi Italia sono: Naro, in provincia di Agrigento, che vanta un credito di circa 1 milione e 200 mila euro; nel catanese troviamo, Licodia Eubea (circa 135 mila euro), Piedimonte Etneo (circa 345 mila euro), Scordia (un milione e 350 mila euro), Trecastagni (non è stato ancora quantificato in modo definitivo il debito di Tributi Italia nei confronti di questo comune) e Zafferana Etnea (1 milione e 600 mila euro). In provincia di Messina sono in tutto 3 i comuni coinvolti: San Michele di Ganzaria (circa 175 mila euro), Castroreale (circa 140 mila euro) e Roccalumera (650 mila euro). Nel palermitano ci sono Capaci (1 milione e 250 mila euro), Misilmeri e San Giuseppe Jato (anche in questi due casi l’importo deve ancora essere definito). Augusta, Avola, Melilli e Rosolini, in provincia di Siracusa, devono ancora riscuotere dalla società di Saggese rispettivamente, 5 milioni di euro, circa 205 mila euro, oltre 220 mila euro e circa 270 mila euro. In provincia di Trapani troviamo Castelvetrano (600 mila euro), Erice (186 mila euro) e Trapani (circa 1 milione di euro).

    “Mentre in alcuni casi – aggiune Alvano – le amministrazioni comunali hanno deciso di ricorrere ad azioni legali autonome, riuscendo a recuperare buona parte delle somme, in molti casi sarà necessario definire un’iniziativa giudiziaria congiunta. ”.

  24. @gianluca. dirigente=chi svolge mansioni direttive. Che mansione svolgeva il dott Badami? ale!!!!

  25. caro promis, hai ragione nel dire che laurearsi ed amministrare un paese come misilmeri non è una cosa facile, principalmente quando si deve studiare e sostenere degli esami, ma il tuo amato sindaco non ha studiato e non credo che sia uscito dall’università cattolica, ma sicuranmente sarà uscito da una università che non viene considerata tale perchè per sostenere degli esami non bisogna ****** cosi si **** la laurea non si consegue. ma visto che tu ci sei vicino, che laurea ha conseguito? giurisprudenza? economia? scienze politiche ? in campo giuridico altre lauree non n’è conosco. perciò non posso fare gli auguri a una persona che ha comprato la laurea. ciao promis, mi sa che tu sei un consigliere di maggioranza che sostiene questo fallimento di amministrazione.

  26. p.s. gianluca sei disinformato, vedi che il tuo sindaco, prima di essere sindaco non era un dirigente della provincia regionale di palermo, ma un semplice bidello dell’istituto nautico, poi entrò nel sindacato ed oggi alla provincia la sua qualifica è “b” sai che significa? qualifica bassa, cioè nella scala gerarchica è la penultima. poi, tu queste cose non le sai, per essere dirigente in un ente pubblico, bisogna avere la laurea e lui non laveva, visto che l’ha ***** due giorni fa. perciò caro gianluca, prima di scrivere informati perchè se non sei informato scrivi solo m…te. ciao deisinformato.

  27. caro giuseppe verdi che la laurea del sindaco ti irrita mi dispiace …… ma gradirei che prima di attaccarmi su parole che non ho mai scritto leggi attentamente il mio commento. La mia era sola una cronaca sul consiglio comunale non dico nulla sulla laurea del sindaco perchè in questo contesto credo non riguardi nessuno(è vita privata)

  28. Carissimo direttore di bancarelle , sul sito del comune c’è scritto che ruolo aveva il Sindaco in Provincia, siccome forse sei mal informato , ti riporto !!Impiegato amministrativo con funzione dirigenziale e del pensiero , lo trovi anche sul sito della provincia !! Al nautico faceva il segretario 20 anni fa !!Informati carissimo !!!Tu invece chi sei ? che fai ? Che titoli hai ? Che lavoro fai ?Sono sicuro che non hai le stesse manzioni, perche la tua invidia mi esce dallo schermo!!!Cordiali saluti,Gianluca…..ALé!!!

  29. CARI AMICI DI PORTELLA DI MARE NON FATEVI ADDOLCIRE IL CUORE DA QUESTO SIGNOR GIANLUCA…. CHE ORMAI SIETE SOLO RIMASTI VOI PER MAGGIO 2010…..

    QUINDI PUNTERANNO SU PORTELLA DI MARE..
    E GIA’ IL PRIMO SEGNALE E’ ARRIVATO CON IL NUOVO ASSESSORE VOSTRO PAESANO)

  30. Perchè non mi hai pubblicato quello che ti avevo mandato? cos’aveva di così scandaloso? forse perchè ho denuncio tutti i consiglieri comunali che non fanno nessuna proposta per cambiare lo statuto comunale, inserendo una postilla dove si dice che l’acqua è un bene pubblico? forse perchè hanno intenzione tutti insieme di fare campagna elettorale mettendo il poblema idrico come argomento principale?o forse perchè nella regione civile come il Trentino a statuto speciale come noi si mobilitano contro il Governo? approvando nei vari comuni il cambiamento nello statuto comunale.e in merito ti avevo mandato l’articolo? Questa è informazione, il confrontarci con gli altri e prendere esempio, no fare il solito cortile ,liti inutili e non costruttive

  31. sono un appassionato di politica… ma vi giuro che mi sto stufando di questa politichetta da 4 soldi che si fa a misilmeri..
    concordo con maria concetta schimmenti e con il suo articolo.. come vedi cara maria concetta.. si possono avere ideologie diverse ma si puo’ concordare su molte cose.. questa si chiama obiettivita’..!!!
    Il resto e’ tifoseria politica……..

  32. Questo Giuseppe Verdi, scrine con una lieve pronuncia “MERICANA”

  33. caro stefano vedi che ti sbagli, perchè il consigliere loria, n on ha chiesto solo 5 minuti di sospenzione, ma vedi non sai quando ha fatto quel discorso che sembrava cicerone in una sua orazione. tu non ti ricordi, ma ti rinfrasco la memoria. tutte le volte che il presidente del consiglio ha chiamato l’appello, lui ha risposto presente, presente ANCH’IO SONO QUI non ti sembra il grande cicerone nel declinare quel presente. poverino non ha nessuna colp’a il consigliere loria, se sim devono dare delle colpe, si devono dare a coloro che lo hanno messo in lista a lui e al consigliere lo gerfo che non ha mai detto presente. vedi di quale gente siamo stati amministrati, e questo è il risultato, un paese che va a rotoli. ci vogliono uomini di cultura e sapienti non questa f…..cia che c’è in giro. ripuliamo tutto e diamo a misilmeri ed ai misilmeresi il rispetto che meritano.
    ciao stefano

  34. ai ragione promis ho confuso il nome e di questo te ne chiedo scusa, quello che ho detto per te vale per nino pizzo che è stato colui che si è congratulato con il sindaco. poii voglio dire che io nonn ho nessuna invidia, però le lauree si devono sudare, non *******

  35. Daniele Lo Pinto: Gli abitanti di Portella Di Mare sono anche tuoi concittadini, sono Misilmeresi!!!Cominciate a pensare che siamo tutti appertenenti allo stesso paese !!! Pensa a non fare distinzioni di luoghi!!Cordiali saluti,Gianluca ….ALé!!!!

  36. Questa questione della Tributi Italia non mi è chiara, ci sono troppi commenti discordanti, non vedo l’ora di assistere al consiglio comunale straordinario. Olè

  37. brutta storia questa.
    in sostanza c’e’ il rischio che quasi 2 milioni di euro, dei NOSTRI euro, vadano altrove?

  38. Che squallore vedere il consiglio misilmerese, sembrano interventi da bar, consiglieri che gridano, ridono, minacciano, lanciano accuse, si pongono con atteggiamenti arroganti e non concludono mai l’ordine del giorno. Povera Misilmeri!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: