• Visitatori sul Blog

  • Statistiche

    • 2,741,602 visitatori

Assemblea dei commercianti misilmeresi

I commercianti di Corso IV Aprile e Corso Vittorio Emanuele di Misilmeri si sono riuniti in assemblea il 22 febbraio scorso per lanciare un forte grido di allarme per la grande crisi economica che sta attraversando il settore.

Infatti l’economia cittadina misilmerese sta attraversando una fase molto critica, non solo per la grave “tempesta” che si è abbattuta sui mercati finanziari mondiali e la crescita giornaliera di licenziamenti e casse integrazioni, ma per una serie di fattori che stanno mettendo a dura prova il settore del commercio locale a cui occorre immediatamente correre ai ripari.

L’assemblea del 22 febbraio, nel sottolineare che le ditte individuali e le piccole imprese creano lavoro, sviluppo e benessere nel nostro paese, ha tracciato delle proposte di interventi urgenti da sottoporre all’Amministrazione Comunale, ed ha deliberato un documento, sottoscritto da circa cento commercianti, dove si chiede solidarietà e collaborazione nel favorire le condizioni per un rilancio del commercio locale.

Il terziario, è una risorsa da difendere, da promuovere e da sostenere.

Inviato da Pietro Carnesi

Annunci

13 Risposte

  1. cassa integrazione?ma xke a misilmeri si usa mettere in regola gli operai, questo e un problema che nessuno ne parla e sopratutto non ci sono controlli io personalmente non conosco la cassa integrazione ma conosco rumane statte a casa. i commercianti parlano di crisi e di assicurare gli operai quando la faranno un assemblea certo nn si puo fare tutta l erba un fascio pero a misilmeri ci sono tante persone che lavorano a nero

  2. Ma in viale Europa non ci sono negozi?????
    Detto questo, non capisco come vi possa aiutare l’amministrazione comunale, siete imprenditori, spirugghiativilla da soli!

  3. CARO LIMPIDO
    SE LA PAROLA LAVORATORE ESISTE ANCORA COMPRENDE CIO’ CHE FA’ TUO PADRE COME COMPRENDE CIO’ CHE FANNO TUTTI DICO TUTTI
    GLI ALTRI LAVORATORI.

    NON HO MAI CAPITO LA DIFFERENZA TRA LAVORATORI AUTONOMI E LAVORATORI DIPENDENTI.

    EPPURE I SINDACATI IL GOVERNO LE ISTITUZIONI HANNO PRESO SEMPRE PER EVASORI DI CONSEGUENZA L A D R I CHI UN LAVORO SE LO E’
    A SUO RISCHIO INVENTATO A DIFFERENZA DI CHI
    ATTRAVERSO LA POLITICA ( PERCHE’ E’ SOLO ATTRAVERSO LA POLITICA ) E’ RIUSCITO A TROVARE UN PUBBLICO IMPIEGO, QUESTI NON SONO EVASORI NEANCHE SE NON SONO MAI SUL POSTO DI LAVORO PERCHE’SI FANNO TIMBRARE IL TESSERINO DAL COLLEGA.
    NEL CASO IN CUI E’ A RISCHIO DI PERDERE IL LAVORO UN DIPENDENTE CI SI MOBILITA ED E’ GIUSTO FARE INTERVENIRE LE ISTITUZIONI COMPRESA L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE;
    SE IL RISCHIO E’ PER DECINE DI AUTONOMI NON DEVE INTERVENIRE NESSUNO TANTO SONO I LADRI CHE VANNO A MORIRE DI FAME COMPRESE LE LORO FAMIGLIE LE MOGLI DEI LADRI ED I FIGLI DEI LADRI

    LIMPIDO SE LA TUA PERSONA SI RISPECCHIASSE NEL NOME CHE TI ATTRIBUISCI NEL BLOG FORSE PONDERERESTI MEGLIO LE PAROLE PRIMA DI SCRIVERLE.
    TI AUGURO DI TROVARE UN LAVORO PUBBLICO COME IMPIEGATO ALMENO SARAI TUTELATO,
    COME A MISILMERI LA TUA AMATA AMMISISTRAZIONE TUTELA GLI ABUSIVI E FA SOCCOMBERE CHI UNA LICENZA C’E’ L’HA.

  4. @LIMPIDO
    Sig. “LIMPIDO” con queste sue affermazioni così “disfattista ed egoista”, non so per quale motivo vuole pescare nel “TORBIDO”.
    Sig. “limpido”, sono un negoziante del Corso da più di quindici anni e visto che ho il coraggio di firmarmi (contrariamente a Lei che usa uno pseudonimo per mimetizzare la sua ignoranza) sa di quale negozio stiamo parlando.
    Sarei molto curioso di sapere se Lei ha mai lavorato nella sua vita (per avere una cognizione se è un mantenuto) o che lavoro svolge.
    Una cosa è certa che Lei non ha la minima idea delle difficoltà che un commerciante giornalmente incontra per sopravvivere, mette a rischio il suo capitale, i risparmi della famiglia, offre posti di lavoro ad altri padri di famiglia, produce economia e vivibilità a Misilmeri, paga un’enorme quantità di tasse, non guarda festivi, ferie o ore di lavoro ed infine non può permettersi di ammalarsi.
    Noi negozianti stiamo chiedendo all’Amministrazione Comunale, in maniera civile, una serie di provvedimenti per regolamentare il traffico e le soste delle auto, oltre ad una serie di interventi per agevolare l’economia dove anche Lei vive.
    E’ chiedere troppo, visto che tutti stiamo chiudendo e fra non molto, se continua così, ci ritroveremo ad aumentare la già alta percentuale di disoccupati?
    Né Lei né altri si possono permettere di offendere il nostro sudato e onesto lavoro.
    Prima di fare delle affermazioni gratuite, le ricordo che, a volte è meglio stare zitti dando l’impressione di essere sciocchi che aprire bocca e toglierne ogni dubbio.
    L’aspetto comunque per un caffé, sa dove trovarmi.
    Peppe Carlino.

  5. Io sono arrabbiatissima: perchè in questo paese esiste solo Corso IV Aprile e Corso Vittorio Emanuele? E gli altri?
    siamo solo utili a pagare le tasse?
    Tutte le iniziative si svolgono sempre nel corso principale: notte bianca, sfilate, e altro….
    Anche in questa occasione, dove avremmo potuto avere la posibilità di farci sentire SIAMO STATI ESCLUSI DI NUOVO!
    Sign. Carnesi, visto che lei aveva intenzione di portare il comune a conoscenza di tale problema non capisco perchè non ha coinvolto tutti i commercianti di Misilmeri, perchè in quel caso anzicchè 100 firme ne avrebbe potute ottenere 200, dando maggiore peso alla questione.
    Chi vive come lei in prima persona questo disagio dovrebbe capire che se i problemi sono in piazza, figuriamoci nelle zone più periferiche. Di giorno in giorno si va sempre più indietro e non sappiamo più cosa inventare per sollevarci un pò. Io spero tanto che questa situazione venga presa a cuore per il bene del commercio misilmerese, e non per coadiuvare fini politici.
    Inoltre gradirei che da oggi tutti i commercianti possano essere coinvolti in questo genere di iniziative.

  6. @PEPPE CARLINO:
    Condivido pienamente il suo commento… pero’ mi preme precisare che nell’elencare tutte le problematiche di un commerciante lei ne ha dimenticato una.. forse la piu’ importante…l’assoluta mancanza di poter programmare il proprio futuro proprio per la mancanza di certezze!!!!!
    ciao peppe.

  7. Mi fa piacere che abbiate dato tanto peso a queste mie parole.
    Gli imprenditori mettono a frutto i loro fattori produttivi, lavoro, terra (no a campagna), e capitali per ricavarne un profitto, nessuno mette a rischio il proprio capitale senza che vi sia un ritorno altrimenti avrebbe già chiuso putia. Ma siccome non riuscite a mettere a frutto tutto questo, vuol dire che l’attività che avete impiantato è destinata a fallire a prescindere dell’aiuto o meno di qualcuno.

  8. scusate potete pubblicare una copia del documento? vorrei capire che cosa si chiede all’amministrazione.
    grazie.

  9. @PEPPE CARLINO&CIRO COSTANZA avete dimenticato di dire che visto che facciamo poco fatturato siamo anche nel mirino dei controlli e degli studi di settore che spesso non credono la buona fede dei commercianti onesti……per non parlare dell’umore sempre a terra e della paura di perdere tutto .Per noi che abbiamo creato queste attività con entusiasmo e passione ci piange il cuore al solo pensiero di chiuderle.Il comune dovrebbe organizzare manifestazioni commerciali , in modo da invogliare il cittadino ad acquistare nel propio paese per far girare la nostra economia.

  10. @Diana
    Gentilissima Signora Diana, ho letto le Sue rimostranze a proposito dell’iniziativa dei commercianti di Corso IV Aprile e Corso Vittorio Emanuele ed è giusto che Lei e i commercianti delle altre vie sappiate come sono andati i fatti, prima di poter emettere dei giudizi (positivi o negativi).

    Il 22 febbraio scorso sono stato contattato da alcuni commercianti che mi hanno esposto il grave problema della mancanza dei parcheggi nel C/so V.E. e C/so IV Aprile, legato principalmente alla grande concentrazione di uffici pubblici nella zona, che annulla totalmente la possibilità di trovare un parcheggio per i clienti dei negozi.
    Infatti, le automobili degli impiegati comunali, della Banca Commerciale, del Banco di Sicilia, della Banca San Paolo, degli altri Uffici Pubblici e non pubblici della zona, sostano nei due Corsi succitati per tutta la giornata, cioè dalla mattina fino alle 18,00.
    Gentilissima Signora Diana, conosco molto bene i gravi disagi e le difficoltà che i commercianti stanno attraversando in questo momento, Le assicuro che non era e non è nelle mie intenzioni escludere i commercianti delle altre vie del nostro Comune, sarebbe un suicidio per un politico!
    Al contrario ho colto lo spunto per poter presentare una Mozione in data 01 marzo 2010, protocollo n. 8714 da far approvare, spero da tutto il Consiglio Comunale, con una richiesta ben precisa alla Giunta ed al Sindaco, mirata a sollecitare ogni iniziativa possibile a sostegno del piccolo commercio in grande difficoltà e adottare agevolazioni fiscali finalizzate al rilancio di tutti i negozi di Misilmeri.

    Lei dice che questa iniziativa non venga presa per coadiuvare fini politici ma per il bene del commercio misilmerese. Le assicuro che se avessi voluto speculare su questo, avrei coinvolto anche i commercianti degli altri Corsi, non crede? Mi sarei fatto una pubblicità ad hoc.

    Gentilissima Signora Diana, siamo nella stessa barca e dobbiamo remare nella stessa direzione, sia i commercianti di C/so V.E. e C/so IV Aprile che quelli degli altri Corsi.
    Rimango comunque a Sua completa disposizione per intraprendere ogni azione mirata al rilancio del commercio locale e non è escluso che possa nascere un Comitato per la tutela del terziario misilmerese, con possibilmente anche Lei a mio fianco.
    Se vorrà contattarmi sarò ben lieto di conoscerLa per aiutarci a vicenda.
    Saluti, Pietro Carnesi.

  11. se non vado errato il consigliere carnesi ha appoggiato inizialmente la giunta di maggioranza di questa attuale amministrazione condividendo interamente il programma quinquennale del nostro sindaco, nel quale era esplicitamente espresso un piano traffico specialmente in riferimento ai punti caotici per dare possibilita’ di snellimento e sopratutto agevolare le attivita’ commerciali creando possibilita’ di parcheggio momentaneo.

    Dopo un determinato periodo ho notato che il consigliere carnesi si e’ reso conto che il programma inizialmente da lui avallato non lo ha soddisfatto ed allora ha iniziato a fare opposizione devo quasi dire attirandosi la simpatia di molte persone per la puntuale sollecitazione di quelli che erano i problemi irrisolti compreso quello in questione.

    Tutto cio’ e’ durato poco i problemi sono rimasti tali ma il consigliere carnesi si e’ ricreduto sulle sue posizioni di oppositore ed allora non ha fatto sentire
    piu’ la sua voce, ma oggi ritorna in campo con la voce
    dei commercianti e con le petizioni popolari,
    ma a quale scopo?
    non e’ stato il portavoce dei suoi elettori? tra i suoi elettori ci sono commercianti del corso principale?
    o forse no o magari si tentera’ di averli per un prossimo futuro?

    avallera’ il nuovo programma del futuro sindaco dove sicuramente si riparlera’ di piano traffico?

    fara’ sentire la sua voce oppositiva se come questo quinquennio nulla sara’ realizzato in proposito?

  12. IO E’ DA 10 ANNI CHE FACCIO :

    PRIMA IL MAROCCHINO COL CARROZZINO

    DOPO LE BANCARELLE

    E IN FINE STO FACENDO L’AMBULANTE PER CAMPARE LA CASA…..(CON DUE BAMBINE PICCOLE….

    PERCHE’ PURTROPPO NON DIAMO LA COLPA SOLO ALLE STRADE,… MA ANCHE LE TASSE E I CARI AFFITTI NON TI PERMETTONI DI APRIRTI UNA ATTIVITA COMMERCIALE….

    E’ SEMPRE STATO IL MIO SOGNO… MA MI STO PER COME SONO CHE FORSE E’ MEGLIO…..AFFITTI ALLE STELLE…..

    MISILMERESI SIETE IMPAZZITI !!!!!!

  13. @ PIETRO CARNESI.
    Io la ringrazio tantissimo per il suo chiarimento,ma visto il periodo che stiamo attraversando la paura e lo sconforto hanno preso il soppravvento.Quando io ho letto il suo articolo,mi sono accorta ancora di più che tutti noi abbiamo bisogno di una spinta che ci dia coraggio per superare questo triste momento.
    Due anni fà una piccola rappresentanza della mia zona ha chiesto al signor sindaco di attuare il piano traffico con parcheggio ad ore,perchè la situazione era insostenibile…perchè fra auto parcheggiate per USL,supermercati,centri scommesse,bar,mercato ortofrutticolo,scuole,INPS,…………….mezzi pesanti,autobus,lavori in corso,buche,ecc…….per attraversare il Viale Europa passava più di mezzora.
    Il signor sindaco ci ha risposto che anche lui aveva pensato ad un piano di traffico per quella zona e che prima possibile avrebbe risolto la situazione,ma come tutte le cose di questa amministrazione è finito tutto in una bolla di sapone.
    Concludendo io ammiro tanto i suoi sforzi e spero che in futuro TUTTI e dico TUTTI i commercianti di Misilmeri possano prendere coraggio e unirsi TUTTI per programmare insieme un futuro lavorativo accettabile,magari con un’amministrazione all’altezza di gestire la dignità di tutte le persone di Misilmeri.
    Distinti saluti. Diana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: