• Visitatori sul Blog

  • Statistiche

    • 2,730,756 visitatori

Mafia e edilizia. Sequestrata impresa di Misilmeri

I carabinieri del Gruppo di Monreale stanno eseguendo quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere disposte dal gip di Palermo, su richiesta della Dda, nei confronti di persone accusate di intestazione fittizia di beni. L’operazione conclude un’indagine dei militari dell’Arma durata due anni. L’inchiesta ha svelato il potere di condizionamento delle attività economiche nel campo dell’ edilizia da parte di Cosa nostra. I boss, secondo gli inquirenti, controllavano, infatti, alcune aziende del settore delle costruzioni. I carabinieri stanno procedendo al sequestro di cinque imprese edili e del relativo patrimonio, che ammonta a oltre 5 milioni di euro.

Queste le persone arrestate dai carabinieri nell’ambito delle indagine che ha svelato i coinvolgimenti dei clan mafiosi nelle attivita’ edilizie nel palermitano: Giuseppe Marfia, Salvatore Raccuglia, imprenditore, Andrea Di Matteo, presidente della Imp. Edil. Scavi e Giovanni Battista Inchiappa. Le imprese sequestrate sono la ‘Raccuglia Salvatore Giuseppe’ di Altofonte, la Imp. Edil Scavi di Altofonte, la Nu.S. e Co. srl di Misilmeri, la MG Costruzioni di Marfia Giuseppe e la ditta individuale Antonelli Adele.

Attraverso una serie di imprenditori compiacenti aveva assunto il controllo totale dell’attività edilizia nella zona di Altofonte. Giuseppe Marfia, già condannato per mafia, uomo di fiducia di boss come Giovanni Brusca e Leoluca Bagarella, era il dominus incontrastato del settore e aveva il controllo di una serie di ditte di cui formalmente non risultava socio. E’ uno dei particolari dell’indagine dei carabinieri che oggi ha portato all’arresto di quattro persone, tra le quali Marfia, accusate di intestazione fittizia di beni. Marfia, ex sorvegliato speciale e destinatario, in passato, di un provvedimento di confisca era diventato socio occulto di una serie di imprenditori, una strategia già utilizzata dall’arrestato negli anni ’90 quando attraverso una societa’ intestata alla sorella curava gli interessi di Brusca e Bagarella.

Dietro ogni cantiere della zona di Altofonte e Misilmeri c’era lui, Giuseppe Marfia, nome noto in Cosa nostra. “Marfia – ha spiegato il colonnello dei carabinieri Pietro Salsano che ha arrestato il costruttore e tre suoi presunti prestanomi – non risultava formalmente in alcuna delle imprese aggiudicatarie di lavori privati, ma anche di appalti pubblici, però partecipava economicamente al fabbisogno delle ditte intestate ai suoi prestanomi e ne controllava l’attività“.

Tratto da Sicilia Informazioni

16 Risposte

  1. Vhe di una cosa sola mi sono accorto in queste mesi che leggoil blogghe di voi ragazzi. Come mai che quando cisono lettere di minaccia tutte che dicono siamo con te, la Sicilia vera vincerà, la sicilia sana siamo noi, e tutte queste ******** col botto del genere e inveci quando c’è che i carrabinieri arrestano ai mafiosi nessuno che dice , bene, brave le forze dell’ordine, diamoci più soldi alli sbirri che li arrestanu a tutti ecc. ecc. Io mi viene da sospettare che quando c’è la lettera di mincce, che uno le minacce se le può fare pure da solo, tutti siamo coraggiosi, poi però quando che succedono di queste cose ci cachiamo tutti di in capo. A mia mi pare una gran pigghiata pu u culo ca nni facemu nuatre stessi, e sinceramente quando leggo tutti quei commenti che ho letto quando minacciarono a Maniaci, seppuro io li condivido devo dire che mi fanno venire il lanzo di quanto sono favusi, e che si dicono sempre in queste occasioni. A cosa che mi fa ridere è che c’è genti convinta di quello che dice e non ci veni il lanzo neanche aloro. MA che lo fanno perchè che vogliono fari carriera politica? Booo? Io che spero ca la Sicilia diventa megghio non penso proprio che ci diventa se ci pigghiamo continuamente per il culo.

  2. Non lo stai dicendo già tu caro Vincenzo, tu inizi e gli altri ti verranno dietro.
    Bravi bravi bravi, e fino all’infinito alle forze dell’ordine che hanno sgominato questi schifosi che rendono la nostra terra una merda

  3. come vogliamo cambiare se quando andiamo alle urne votiamo persone che hanno mille processi di mafia cominciamo ad allontanare questa gente e speriamo che li arrestino tutti

  4. caro vincenzo lombardo,
    tutti quelli che si FIRMANO con nome e cognome e che si assurgono a paladini dell’onore e della onorabilità e della legalità, quando maniaci riceve una minaccia generica, possono tranquilamente firmare perchè tanto non si sà chi è l’autore della minaccia.
    e fanno i galletti perchè vanno fieramente contro “ignoti”. ora che siamo davanti a NOMI E COGNOMI di arrestati, i paladini dell’identità sul blog vanno a nascondersi perchè magari li conoscono e un giorno potrebbero essere fermati e sentirsi dire : oh ma tu scrivisti nnì’o blog ca ficiru bonu ca m’arristaru? e già si cagano sotto dalla paura.
    in fondo nella vita è sempre questione di prospettiva.
    serva da lezione questo articolo a chi fa il gradasso per dire che firma con nome e cognome per affermare le proprie idee relative all’uovo fritto, o alla politica, e poi si nascondono quando devono tirar fuori le palle.
    io ho sempre scritto con un nick. io sono e resto, per i lettori di questo blog, abracadabra.
    e con la mia identità di sempre dico che li dovrebbero arrestare tutti in una notte, così abbiamo più spazio e più aria pulita.
    attendo i commenti firmati di tutti i nostri politici e politicanti per leggere il loro plauso a questa operazione e per sentirgli dire quello che solo uomini con per bene possono dire. e attendo tutti i frequentatori di questo blog che ci triturano i cosidetti per sapere chi siamo noi e fanno le guerre pro identità. mettetecela adesso, la faccia.
    buona domenica.

  5. cara abracadabra: quindi dare la solidarieta’ a un giornalista che riceve minacce di morte e’ uguale farlo con la propria faccia o da anonimo????
    Io l’ho fatto con il mio nome e cognome come sono certo piace ad un uomo come Pino Maniaci e non mi sono nascosto come un coniglio…e non mi nascondo neanche adesso perche’ faccio i complimenti alle forze dell’ordine e mi auguro possano arrestare anche mezzo paese!!!
    Piena solidarieta’ ai magistrati che con le loro indagini hanno permesso che si arrivasse a scoprire un traffico di soldi sporchi…
    Piena solidarieta’ alle forze dell’ordine che rischiando la vita hanno arrestato questi malfattori…
    ZERO.. ANZI MENO DI ZERO DI RISPETTO PER CHI COME TE CARA ABRACADABRA SI NASCONDE COME UN CONIGLIO E HA PERSINO LA FACCIA TOSTA DI CRITICARE QUANTI CE LA METTONO…LA FACCIA!!!!!
    Adesso che ci ho messo la faccia cosa mi fai…un applauso???
    La prossima volta prima di sparare cazz……te collegati il cervelletto please perche’ con questo mio commento hai fatto la figura di m…..da!!
    Avevo detto che non avrei risposto piu’ ad un commento anonimo ma ho dovuto fare un’eccezione visto la stronzaggine del tuo commento e non intendo piu’ ribadire o controbattere ad un tuo successivo commento….. come diceva una mia amica…qualunque cosa scriverai mi scivolera’ perpendicolarmente(a buon intenditor)!!!!!!!!!!

  6. x abracadabra: sono d’accordo con il mio amico ciro.
    con quel tuo commento a tratti isterico hai fatto la figura della bambina capricciosa che non vuole accettare il fatto che chi si espone con il proprio nome si mette a rischio piu’ di uno che non lo fa.
    non bisogna essere scienziati per capire questo ma basta avere solo un po’ di buon senso e rispetto per chi lo fa.
    complimenti alle forze dell’ordine e arrestateli tutti questi mafiosi.
    ave’ stranh ghety Ciro!

  7. spero che i mafiosi vadano tutti a spaccare pietre fino a quando crepano.
    fino a adesso ho scritto con un nome finto ma ora lo faro’ con il mio nome vero perche’ non sono un vigliacco.
    bravi carabinieri e poliziotti.

  8. Secondo me si parte da un principio sbagliato,nessuno ha mai fatto mancare la solidarietà alle forze dell’ordine e alla magistratura per lo straordinario sforzo,pieno di entusiastici risultati, che in questi anni stanno portando avanti fino a mettere in ginocchio i cosìdetti uomini d’onore.L’unica mia vergogna personale è che dovevamo aspettare un ministro dell’interno leghista per vedere la mafia squinternata,comunque mi va bene lo stesso,l’importante è distruggerli.Ma non credevo di fare venire il lanzo al sig.Lombardo visto che anch’io
    avevo dato la mia solidarietà a Maniaci e non intendo in alcun modo fare politica. Motivo per cui la mia, come quella di tanti altri,era un’affettuosa e sincera dimostrazione d’affetto e vicinanza,che qui ribadisco,verso una persona minacciata da quella feccia dell’umanità che si chiama mafia.Scrvendo inoltre il succitato commento di sostegno,caro sig. Lombardo, non credevo di prendere per il culo nessuno dei lettori di questo blog,se poi Lei si riferiva ai politici il discorso cambia,e cci direbbi,nel suo stesso medesimo stile tale e quale,che devo dire mi risulta alquanto divertente e simpatico, di non si cci appricari a questi miei lamenti umani che emano in questo luogo emanatore dei gridi dei cittadini.Simpatici e cordiali saluti.
    @Ciro
    Secondo me quella di abracadabra era solo una forte provocazione contro chi tortura lei e tutti quelli che usano un nik con critiche ed espressioni non sempre particolarmente eleganti.Del resto ha dimostrato mille volte,attraverso i suoi commenti,di possedere un’innato senso della provocazione,molta intelligenza e sferzante ironia.Cordiali saluti

  9. solo un pollo poteva non accorgersi di una provocazione così evidente.

    come dire….coniglio 1 pollo 0.

    è molto divertente accorgersi di come alcuni uomini tirino fuori le @@ (prese in prestito da chissà chi) solo quando vengono colti in castagna e quando è troppo tardi. prima tutti zitti, poi arriva un’abracadabra qualsiasi che fa il solletico nel punto giusto ed ecco rinascere i fautori della carta d’identità. punti nel loro orgoglio. mamma mia com’è facile far cadere un pollo dal pollaio.
    almeno gli altri sono stati coerenti. zitti prima e zitti adesso.

    siete arrivati tardi. la solidarietà non si dà in seguito ad un richiamo. è aria fritta. l’articolo è stato pubblicato il 22 ottobre alle 15; 16.
    ho lanciato la provocazione il 24 ottobre. due giorni in cui mr.identità ha taciuto fino a quando non si è configurato il reato di lesa maestà!
    ripeto, apprezzo di più la coerenza di chi non si è espresso ne prima ne dopo.

    @ giovanni furnari

    bingo! hai ragione, era una evidentissima provocazione.😉 per l’intelligenza e l’ironia…..thank you!

  10. Sperando che chi si firma con nome e cognome lo faccia in maniera corretta…cioè metta il proprio vero nome e cognome!!!
    …diciamo che qualcuno può giocare sporco,forse è più coerente chi scrive sempre e solo con un nick!!!

    Saluti…da Enzo La Barbera…badate non sono quello che ha commentato l’argomento, ho voluto precisare solo per aumentare la confusione tra nick e nomi veri!

  11. @giovanni furnari: concordo sulla provocazione… ma perche’ tirare in ballo sempre le solite paranoie?
    scusa caro giovanni ma i tuoi discorsi sanno troppo di vecchia democrazia cristiana… del tipo sto un po’ con uno e un po’ con l’altro(anche questa e’ provocazione)..oppure sto con chi mi conviene…oppure sto con entrambi e faccio felici tutti!!
    Il problema caro giovanni non e’ la provocazione o altre stupidaggini..il problema e’ ben piu’ ampio e complicato.. la sig.ra sconosciuta ha scritto un commento che definire isterico e’ poco..altro che provocazione bonaria… io non ho mai messo in dubbio l’intelligenza di nessuno ci mancherebbe altro.
    Caro giovanni ti prego di rispondere alla mia domanda in maniera chiara e limpida:
    SECONDO TE E’ LA STESSA COSA PARLARE DI MAFIA CON IL PROPRIO NOME E COGNOME…QUINDI ESPONENDOSI IN PRIMA PERSONA.. E FARLO IN MANIERA ANONIMA????
    PER FAVORE RISPONDI ALLA MANIERA GIOVANNI FURNARI CHE CONOSCO!

  12. Non ho nessuna difficoltà a risponderti,anzi per me parla lo spettacolo antimafia che ho scritto e vado portando in giro nelle scuole superiori e per rappresentarlo,ogni volta faccio stampare manifesti non soltanto con il mio nome e cognome,ma anche con la mia faccia,nonostante quest’ultima non sia un grande spettacolo. Ora non per essere democristiano,ma onestamente sul blog è diverso,è infatti ampiemente previsto esprimersi con un nik,fino a quando questo non viene utilizzato per offendere o insultare qualcuno.Naturalmente in fatto di antimafia è più apprezzabile chi si espone in prima persona,su questo non ci piove. Un abbraccio

  13. Torno ora da Firenze,e con piacere leggo in questo blog che i CC hanno arrestato dei mafiosi, speravo che fossero molti di più, mha pasienza meglio questi che nulla.Forza con le indagini,forza con gli arresti, liberate questa terra piena di mafiosi.

  14. @ giovanni furnari

    il nome e cognome ha un senso quando ci si conosce.
    io non conosco molti che si firmano in questo blog, tra cui il pollo di cui sopra. quindi che la firma ciro costanza o fallattutti luigi non mi cambia assolutamente nulla. ridicolo è il pensiero. la firma in un mondo virtuale conta poco.
    ma il pollo di cui sopra che avrebbe fatto fare a me la figura di m….e non capisce che invece c’è cascato con le scarpe e le calze, solo perchè firma con un nome e cognome, che per me equivale ad un altro perchè non lo conosco affatto, può mancare di rispetto? può essere offensivo? non credo. fa come i bambini quando non sanno più che dire : sciarra chitarra, un t’arrispunnu cchiù!
    ma si sa…….i polli sono buoni solo allo spiedo!🙂 e crescono in allevamenti. mentre i conigli sono per le campagne e se te li vuoi mangiare prima li devi prendere!😉

    p.s.
    io alle manifestazioni antimafia ci vado di persona e con la mia faccia, non mando nessuno a rappresentarmi. peccato che qualche pollo alla manifestazione in ricordo di chinnici non l’ho visto.
    senza offesa per i polli.

  15. @abracadabra
    io ho cambiato molte volte il nome sono d’accordo con te quando dici che le cose bisogna farle con la presenza nei momenti istituzionale e pubblici poichè è così che si mette la faccia.
    poi l’importante è quello che si scrive non il nome io ad esempio di tutti quelli che scrivono conosco sicuramente una persona “Maria Concetta Schimmenti” tutti gli altri non li conosco.
    Alessandro è il mio vero nome ma se mi dichiarassi “abracadabra” cosa cambierebbe NULLA
    Talvolta l’anonimato è necessario lo so è una brutta cosa
    Lancio una provocazione perchè non mettiamo le nostre facce al posto dei loghetti che fanno le smorfie?

  16. @ Ai gestori di questo blog: il mio commento non ha nulla a che fare con l’articolo, ma mi farebbe piacere se…………..Grazie

    @ Giovanni Furnari…….Mettendo da parte l’argomento serio della mafia, mi ha fatto ridere la tua battuta sulla tua faccia; anche a me piace tanto scherzare sul mio aspetto fisico e mentale, il materiale non mi manca!………Ma forse più che da ridere c’é da piangere!!!
    Approfitto per dirti che abbiamo (credo) un’ammirazione che ci accomuna a tanti altri…..il grande Edoardo. Ciao ciao.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: