• Visitatori sul Blog

  • Statistiche

    • 2,730,756 visitatori

Eternit. Un problema da affrontare

Volevo lanciare una proposta da girare al Sig. Sindaco di Misilmeri. Visto che il nostro paese ancora è pieno di eternit:

Perchè non fare richiesta a chi di competenza, Regione, Stato, oppure CE, per ottenere un finanziamento per aiutare i cittadini allo smaltimento, illustrando la situazione in cui versa Misilmeri, con il suo primato di malati di TUMORE? Perchè, durante i Consigli Comunali, non si porta avanti questa proposta?

Si eviterebbe inoltre il problema che qualche cittadino, visto i costi elevatissimi per lo smaltimento, tenti di liberarsi di questo materiale, buttandolo in qualche posto di campagna, cosa da non fare assolutamente. RIPULIAMO MISILMERI, proviamo a chiedere questa sovvenzione a chi di competenza.

Ringrazio in anticipo tutta la redazione di Misilmeri Blog.

Inviato da P.A.

33 Risposte

  1. L’eternit ricordiamolo fà male, è cangerogeno solo se viene respirato. Ossia se lo spezziamo e respiriamo le sue polveri. Finche è sano ci possiam anche dormire sopra senza problemi. Il vero guaio del nostro paese, son le antenne telefoniche. Vi siete mai chieste quante ce ne stanno abbusive? e mi sà mi sà che qualche personaggio che fù illustre, se ne fece montare anche una nella sua campagna. “”stop al discorso””. Prima di pensare allo smaltimento dell’ eternit, perchè non si avvisa il NOPT “NUCLEO OPERATIVO POLIZIA TELECOMUNICAZIONI”. e si chiede se son autorizzate le miriadi di antenne telefoniche camuffate da finti comignoli? oppure chi le ha montate nel tetto gli fa comodo le migliaia e migliaia di eurini al mese, però se ne frega se ciò condanna a morte i vicini di casa.

  2. direi ke è arrivato il momento di svegliarvi un po’( sindaco e amministratori) e non stare con i para okki facendo finta ke vada tutto bene, perke non è cosi!!

  3. Questo è un articolo del 27 ottobre sul “Mattino” di Napoli
    http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=124473&sez=NAPOLI

    La denuncia: Portici, casi di leucemia a scuola, rischio amianto da un palazzo

    Spett.Le Redazione, ho deciso di chiederVi aiuto per alcuni casi di leucemie sospette verificatesi presso la scuola primaria del 3° Circolo didattico De Sanctis sito in via San Cristoforo 56 Portici (NA).

    È di alcuni giorni la notizia che gira tra i genitori e pubblicata su Internet, di un nuovo caso di leucemia che ha colpito un bambino che frequenta la scuola primaria De Sanctis di Portici.

    Questo caso segue altri due episodi verificatisi nell’anno 2008. Nonostante gli accertamenti dicano che non sia presente all’interno dell’istituto alcuna forma di amianto, resta l’atroce dubbio circa un fabbricato privato sito nelle immediate vicinanze con una copertura del lastrico solare in eternit/amianto. Vi chiedo di pubblicare questa mia al fine di rendere sensibili gli organi competenti, in particolar modo il Sig. Sindaco dott. Vincenzo Cuomo invitandoli ad eseguire controlli efficaci ed atti a tutelare la salute dei Cittadini.

    Distinti saluti.

  4. Ottimo spunto di riflessione, complimenti per l’articolo.

  5. volevo sottolineare che c’e una legge ben precisa dove invita tutti i comuni nazionali al monitoraggio stoccaggio e distruzione eternit”””a misilmeri ancora non si può capire come mai ci sono tutte questi morti specialmente di tumore e moltissimi ammalati di tumori ed altre malattie come mai?e possibile che nn c’e nessuno che possa informare cittadini di cosa c’e in fondo in fondo a misilmeri e perchè tanti decessi?c’e un monitoraggio del paese?c’e una prevenzione a favore dei cittadini?queste sono le mie domande principali in attesa di qualcuno che ha un buon cuore attendiamo risposta grazie

  6. Questa storia dell’eternit sta diventando strana!
    Ma non lo sapete che dell’eternit sono pericolose SOLO LE POLVERI che si producono con la frantumazione dello stesso???
    L’eternit fermo lì, non toccato, non distrutto non è pericoloso!!!
    Inoltre l’eternit è responsabile solo di tumori polmonari, tipo carcinoma polmonare e mesotelioma… non di tutti i tumori!!!
    Inoltre per causare uno di questi tumori l’esposizione deve essere massiccia… industriale!!!
    Finiamola con questa storia dell’eternit!!!
    Piuttosto, questa diceria di misilmeri come paese con incidenza maggiore di tumori che fondamento ha??? Mi piacerebbe vederlo scritto da qualche parte, certificato da un qualche ente riconosciuto come competente!!!
    Mi sembra si voglia solo creare panico!
    Poi, visti i costi, nessun incentivo sarebbe sufficiente per convincere molti a disfarsi dell’eternit… nemmeno se lo stato paga l’80% dei costi (e non accadrà mai)!
    Ma non vi siete mai chiesti perchè è solo vietato costruire con eternit e non possederlo??? Proprio perchè se non toccato non è pericoloso! Lo sapete quante industrie dello stato sono piene di eternit eppure non lo toccato? Molte ed anche vicine a noi! L’importante è segnalarne la presenza e smaltirlo in modo adeguato quando si deve rimuovere!

    FINIAMOLA CON QUESTO TERRORISMO!
    GRADIREI IO E SICURAMENTE ALTRI UNA FONTE DOVE TROVARE LE INFO RIGUARDO L’INCIDENZA DEI TUMORI NEI VARI COMUNI!

  7. @Studente di Medicina

    Concordo con te … vorrei proprio vederle queste statistiche allarmanti. O è solo la classica diceria di paese?

  8. Ho appena saputo che ci sono anche altri paesi dove la popolazione è certa di avere l’incidenza di tumori più alta d’Europa… si tratta di Termini Imeresi, Priolo, ma ce ne sono anche altri… qualcosa non quadra!!!

  9. Raga non compare in nessun posto che Misilmeri ha una grossa incidenza di malati di cancro. Però c’è da dire una cosa, e potete fare la prova. montate uno stereo in macchina, fate in modo che lo stereo non abbia un ottima massa, in modo da attirare i disturbi intorno a sè. Noterete che appena arrivate dove ci stà l’antica chianca, vicino il cinema king, lo stereo impazzira, causa un enorme campo magnetico, e come si sà esso non farà tanto bene ad un essere umano che è soggetto ad esso. In più in questa zona e zone limitrofe ci son tante persone che stan male, e tanta gente che è anche morta. Casualità, o realmente in quella zona c’è qualcosa che non ci dovrebbe essere? E magari per coprire ciò diamo la colpa all’eternit, senza contare che a stò punto teoricamente dovremmo essere tutti morti, visto che le vasche dell’acqua che chiunque ha dentro casa son di eternit, la maggior parte dei tetti è di eternit.

  10. Al posto di creare allarmismo e lamentarsi dei costi per lo smaltimento, perchè non vi informate sull’effettivo costo, che non è così elevato come si pensa. Io ho incaricato una ditta specializzata, “la ditta Brugnano” di Palermo che mi ha smontato un tetto e ha smaltito l’eternit con tutte le autorizzazioni necessarie per sole 15 euro metro quadro. Come si vede è questione di buona volontà. Non bisogna sempre lamentarsi ma agire.

  11. Intanto vorrei dire che è vero che dell’eternit sono pericolose solo le polveri, ma vorrei far notare che non si tiene conto del normale disfacimento di questo materiale con le intemperie.
    Credete che con le pioggia e col sole cocente l’eternit rimane intonzo come il metallo?
    Anche gli agenti atmosferici contribuiscono a far staccare piccole particelle di eternit, quindi non ci dormirei proprio tranquilla sotto o accanto a un tetto di eternit.

  12. Le polveri sono pericolose solo in grandi quantità.
    Le onde elettromagnetiche dubito fortemente che siano dannose ed ora vi spiego perchè:
    I tumori si possono considerare come malattie genetiche, cioè malattie che derivano da mutazioni del DNA. Queste mutazioni, oltre ad essere spontanee e causate da altre malattie possono essere causate da onde elettromagnetiche purchè abbiano una lunghezza d’onda abbastanza piccola.
    I raggi X (quella della radiografia per intenderci) hanno una lunghezza d’onda compresa tra 10 nanometri (1 nanometro è 1 miliardo di volte più corto di un metro) e 0.001 nanometri ed una frequenza tra i 10 alla 17 e 10 alla 19 Hz.
    I raggi gamma (quelli famigerati delle bombe atomiche e non solo) hanno una lunghezza d’onda ancora più piccola dei raggi X e una frequenza superiore ai 10 alla 19esima Hz.
    I ripetitori per cellulari utilizzano onde di circa 1800 MHz, cioè 1,8 x 10 alla 9 Hz ed una lunghezza d’onda quindi di circa 0,1 metri.
    La luce che vediamo ha lunghezze d’onda intorno ai 550 nanometri e frequenza di circa 10 alla 15 Hz.
    Da ciò, come potete vedere, le onde elettromagnetiche dei cellulari sono molto più lunghe di quelle della luce visibile ed oltremodo più lunghe di quelle dei raggi X o gamma.
    Poichè le onde devono essere parecchio piccole per danneggiare il DNA io direi che quelle dei ripetitori non sono per nulla pericolose! Il danno in pratica è dato dal fatto che l’onda cortissima riesce a colpire gli atomi del DNA rompendolo e causandone la mutazione!
    Inoltre aggiungo che i cordless, le apparecchiature bluethhot e molte altre cose che usate di continuo usano le stesse onde o quasi dei cellulari.
    Aggiungo ancora che le onde elettromagnetiche perdono potenza in proporzione al quadrato del raggio, cioè raddoppiando la distanza dal generatore delle onde le stesse avranno una potenza 4 volte inferiore. Quindi basta allontanarsi poco per avere onde a bassa potenza… ma, dato che il cellulare sta appiccicato all’orecchio, questo ipotetico raggio (distanza) dal cervello è molto piccolo e paradossalmente dovrebbe essere più dannoso per la salute il cellulare in se piuttosto che il ripetitore!

    Saluti!

  13. @ Studente di Medicina
    @ Gio
    Noto con molto piacere come attraverso il blog si possa fare sana informazione e no “qualunquismo” o “diceria” … concordo pienamente con i dati “scientifici” esposti da “studente di medicina” ( spero solo non si tratti del consigliere Merendino…che con sta storia che è medico ha rotto le scatole…u capemo!!!!! :-)) ….ed altrettanto pienamente concordo con “Gio” in merito ai costi….invito tutti ad una sola riflessione….non fidatevi delle imprese che vi dicono “un ci su pobbleme”….”ci pensu ioo”…alla fine magari ve lo smontano quasi allo stesso costo….ma non è detto che ve lo vadano a scaricare magari vicino la vostra casa in campagna…perchè tanto altre soluzioni non ce ne sono!! seguite i consigli dei tecnici…ed affidatevi a ditte specializzate……ovviamente in merito alla questione oserei dire “delicata” dei tumori…inviterei quanti non capiscono una beata mazza…di mesotelioma alla pleura ( parete polmonare)…o di campi elettromagnetici…di stare semplicemente zitti…così da evitare il pericoloso “terrorismo psicologico”…c’è chi soffre parecchio e sappiamo bene che la sofferenza spesso è accecante, pertanto alimentare discorsi inutili come “le antenne da quello”…”il tetto da quell’altro”..potrebbe creare soltanto odio verso qualcuno che non ha nessuna colpa!

  14. Complimenti alle “sane” osservazioni dei commenti. Bisogna finirla con le solite dicerie che nel nostro paese il numero dei tumori è superiore alla media. Prima di dire una cosa del genere bisogna avere dati e fare uno studio statistico con la collaborazione dei centri che studiano i tumori. Per quel che concerne l’eternit sono d’accordo con BracciomeccanicO: attenzione alle ditte a cui si chiede di smaltire l’eternit. Bisogna affidarsi a ditte serie che alla fine dello smaltimento rilasciano un certificato. Il rischio è quello di pagare un servizio a gente che va a scaricare l’amianto a “purcaredda” !

  15. Per lo studente di medicina e per Stefano.
    Sul fatto che siano pericolose le poleri dell’amianto, non ci sono dubbi, sono daccordissimo con voi.
    Allora vi devo dire che non vivete a Misilmeri, perchè l’ethernit è DISSEMINATO SU TUTTO IL TERRITORIO DI MISILMERI, E NON DITE CHE NON E’ VERO.
    Personalmente cira un mese fà, nella zona mercativo lato Costa di Gelso, ho visto un cumulo di ehternit fatto a pezzetti e allocato vicino ad un cassonetto di spazzatura.
    La gente, nel tentativo di leberarsene, lo butta dappertutto, facendolo a pezzetti per essere meno visibile.
    Quindi questo fatto che non c’è da avere paura, perchè si presume che sia tutto integro sui tetti è veramente una cosa ridicola.
    Sfido chiunque a negare di aver visto mai, in corrispondenza di contenitori, rifiuti edili mescolati ad ethernit fatto a pezzetti.
    Poi vorrei chiedere allo studente di medicina di commentare il seguente articolo pubblicato sul MATTINO di Napoli:
    Questo è un articolo del 27 ottobre sul “Mattino” di Napoli
    http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=124473&sez=NAPOLI

    La denuncia: Portici, casi di leucemia a scuola, rischio amianto da un palazzo

    Spett.Le Redazione, ho deciso di chiederVi aiuto per alcuni casi di leucemie sospette verificatesi presso la scuola primaria del 3° Circolo didattico De Sanctis sito in via San Cristoforo 56 Portici (NA).

    È di alcuni giorni la notizia che gira tra i genitori e pubblicata su Internet, di un nuovo caso di leucemia che ha colpito un bambino che frequenta la scuola primaria De Sanctis di Portici.

    Questo caso segue altri due episodi verificatisi nell’anno 2008. Nonostante gli accertamenti dicano che non sia presente all’interno dell’istituto alcuna forma di amianto, resta l’atroce dubbio circa un fabbricato privato sito nelle immediate vicinanze con una copertura del lastrico solare in eternit/amianto. Vi chiedo di pubblicare questa mia al fine di rendere sensibili gli organi competenti, in particolar modo il Sig. Sindaco dott. Vincenzo Cuomo invitandoli ad eseguire controlli efficaci ed atti a tutelare la salute dei Cittadini.
    Prima di parlare sarebbe il caso di documentarsi un po.

  16. Per lo studente di medicina
    Riprendo un verso dello studente:
    Ma non vi siete mai chiesti perchè è solo vietato costruire con eternit e non possederlo??? Proprio perchè se non toccato non è pericoloso! Lo sapete quante industrie dello stato sono piene di eternit eppure non lo toccato?
    IL FATTO E’ CHE A MISILMERI VIENE TOCCATO E COME.
    LA GENTE NEL TENTATIVO DI LEBERARSENE lo butta dappertutto, facendoli prima a pezzetti, e quindi ecco le polveri che si liberano nell’aria, le quali causano anche a distanza di 30 anni il MESOTELIOMA, UN terribile tumore ai polamoni.
    Poi vorrei chiedere al nostro amico studente, cosa ne pensa della gente che ancora usa i recipienti dell’acua in ethernit?
    Ancora c’è gente che beve acqua conservata in questi recipienti di amianto.
    MA STIAMO SCHERZANDO.
    Io non nfaccio terrorismo ma cerco solo di sollevare un problema grave di Misilmeri, tu mi pare che faccia un po di disinformazione.

  17. Per lo studente di medicina
    e soprattutto neghi l’evidenza dei fatti.

  18. Per concludere, vorrei dire alo studente in medicina, che a Misilmeri ci sono tetti fatti in ethernit, che risalgono a 50 anni fa.
    hai mai pensato che le intemperie, il sole e l’invecchiamento naturale, possano produrre una corrosione naturale e quindi una fuoruscita di polveri, oppure è fantascienza?

  19. Per Stefano.
    Ti assumi in pieno tutte le responsabilità, dicendo che sull’ethernit ci puoi anche dormire sopra.
    Infatti quando si procede allo smantellamento dei tetti, per effettuare la bonifica, gli operai specializzati indossano tute e maschere protettive e poi quando sono stanchi si adagiano sui tetti facendo un bel respiro profondo, preferibilmente senza maschera.
    Senza parole.

  20. Allora: non nego che l’eternit a misilmeri è diffusissimo!
    Ripeto che le polveri sono pericolose si, ma in grandi quantità, in quantità industriali, cioè in quegli impianti in qui si usa, anzi si usava la polvere, per la coibentazione e lavorazioni varie.
    Per esempio alla centrale termoelettrica di Termini Imeresi ci sono stati almeno 2 casi di mesotelioma… hanno colpito coloro che lavoravano con le polveri di amianto usate per coibentare le condotte del vapore… quindi serve un contatto massiccio e duraturo!
    Per quanto riguarda le polveri che si producono inevitabilmente dallo stesso deterioramento dell’eternit per le intemperie, beh, sono sicuro che sono una quantità minima e direi innocua! Inoltre dovete ricordare, o sapere per chi non lo sa, che le polveri mica non possono esserci nell’abiente, devono solo essere sotto un limite consentito di legge, quindi ci possono essere… in genere un limite è stabilito da uno studio che mostra come questo sia sicuro, cioè non nocivo. Detto questo la questione disfacimento la accantonerei una volta per tutte.
    Riguardo la frantumazione da parte di abusivi… beh, i più esposti sono sempre coloro che lo frantumano e cmq l’esposizione è cmq minima… capita una volta nella vita frantumarlo. Per chi lo vede per strada… che fa, andate a zapparci dentro e vi riempite i polmoni??? No, lo vedete, ci passate davanti più e più volte e ve ne fregate… non succede nulla!
    Per quanto riguarda i costi, io non li so con esatezza ma so che sono davvero alti… poi scusate perchè non dovrebbero essere alti??? Data la patata bollente ogni ditta si farebbe strapagare… qualcuno ha detto 15 € al metro quadro… ho dubbi che sia stato smaltito secondo termini di legge.
    La questione della leucemia nella scuola… non credo sia colpa dell’amianto… piuttosto di qualche altro tossico presente in zona, come la diossina prodotta dai roghi dei cumuli di immondizia… da una predisposizione della popolazione di quella area geografica e perchè no dai giornalisti che rimpolpano la notizia per renderla più succosa.
    I recipienti in eternit??? Innocui, io stesso ed i miei genitori da molto di più abbiamo sempre usato acqua contenuta in questi contenitori!
    Non nego l’evidenza dei fatti, cerco solo di leggere i fatti e le notizie sulla base di conoscenze che derivano da ore di studio e comprensione del funzionamento del corpo umano e di come si innescano le malattie…
    Qualcuno altro invece preso dalla “parracia” parla parla senza avere le competenze od al limite senza sapere esattamente cosa dice.

    Per quanto mi riguarda i giornalisti sono dei conta palle! Tendono sempre a gonfiare la notizia per renderla più scandalosa e vendere di più! Di questo ne ho le prove!!!

    P.s.: non sono questo Merendino, sono uno studente di 24 anni e qualcuno avrà capito magari chi sono!

  21. a leggere i commenti dello studente in medicina sembra di vivere in una favola…e non ce ne rendiamo conto!!!
    Mi e’ quasi venuta voglia di sostituire i miei recipienti di pvc con quelli “innoqui” di eternit… e perche’ no… quasi quasi sostituisco anche il tetto della veranda e ne faccio istallare uno piu’ innoquo di eternit!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Tanto e’ innoquo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  22. Solo perchè tu continui ad usare i recipienti in amianto, allora possiamo stare tranquilli?
    I pezzi frantumati di ethernit che ci sono disseminati a Misilmeri, che inquinano le falde, che la gente ho sentito dire che addirittura seppellisce sotto terra per farli scomparire, sono innocui, allora possiamo stare tranquilli?
    La parte di spore che si libera a causa del deterioramento è innocua, allora possiamo stare tranquilli?
    Detto questo la questione disfacimento la accantonerei una volta per tutte. Allora possiamo stare tranquilli?
    Da come ti esprimi e quello che dici, quasi quasi è una cosa normale che ci sia tutto ciò.
    Per la questione della leucemia nelle scuole, tu a 1.200 KM di distanza già hai una idea, senza sapere che cosa c’è in quella scuola o nelle vicinanze.
    Asserisci che non è colpa dell’amianto.
    Ma tu che cosa ne sai?
    I giornalisti rimpolpano la notizia?
    Ma che devono rimpolpare, qua si tratta di vite umane, di bambini di 6 anni che perdono la vita, a causa di qualcuno che non ha fatto quello che doveva, e cioè togliere di mezzo l’amianto.
    Comincio a dubitare che tu sia uno studente di medicina, perchè se cosi fosse sarei preoccupato per i tuoi futuri pazienti.

  23. Anche se solo una quantità infinitesimale di amianto, liberato sotto forma di polvere, va a finire nei polmoni, anche dopo 30 anni, si innesca il processo che porta al mesotelioma.
    Ecco guarda:
    l mesotelioma è quasi sempre provocao dall’esposizione alla fibra di amianto. Molte persone vi sono state esposte nella vita normale, a causa delle polveri liberate spontaneamente dall’ethernit; altre a causa del loro lavoro; altri ancora, secondariamente, attraverso il contatto con gli operai esposti. A causa della sua latenza, il cancro potrebbe non manifestarsi per 20-50 anni, e oltre, dopo l’esposizione.

  24. Leggi questo, studente.
    Mi sa che hai ancora molto da imparare.

    Le sue conseguenze sulla salute e sull’organismo

    L’amianto rappresenta un pericolo per la salute a causa delle fibre di cui è costituito e che possono essere presenti in ambienti di lavoro e di vita e inalate.
    Il rilascio di fibre nell’ambiente può avvenire o in occasione di una loro manipolazione/lavorazione o spontaneamente, come nel caso di materiali friabili, usurati o sottoposti a vibrazioni, correnti d’aria, urti, ecc.
    L’esposizione a fibre di amianto è associata a malattie dell’apparato respiratorio (asbestosi, carcinoma polmonare) e delle membrane sierose, principalmente la pleura (mesoteliomi).
    Esse insorgono dopo molti anni dall’esposizione: da 10 – 15 per l’asbestosi ad anche 20 – 40 per il carcinoma polmonare ed il mesotelioma.
    L’asbestosi è una patologia cronica, ed è quella che per prima è stata correlata all’inalazione di amianto.
    Essa consiste in una fibrosi con ispessimento ed indurimento del tessuto polmonare con conseguente difficile scambio di ossigeno tra aria inspirata e sangue.
    Si manifesta per esposizioni medio-alte ed è, quindi, tipicamente una malattia professionale che, attualmente, è sempre più rara.
    Il carcinoma polmonare si verifica anche per esposizioni a basse dosi.
    Il mesotelioma è un tumore raro, della membrana di rivestimento del polmone (pleura) o dell’intestino (peritoneo), che è fortemente associato alla esposizione a fibre di amianto anche per basse dosi.
    Sono state descritte, inoltre, patologie al tratto gastrointestinale e alla laringe per le quali l’associazione con l’asbesto è più debole e resta da stabilire in via definitiva una sicura dipendenza.
    Le esposizioni negli ambienti di vita, in generale, sono di molto inferiori a quelle professionali, pur tuttavia non sono da sottovalutare perchè l’effetto neoplastico non ha teoricamente valori di soglia.

  25. Eccoi danni ch e può provocare l’esposizione inconsapevole di un essere umano, durante la normale vita quotidiana:

    Sono esposizioni, in generale, non paragonabili a quelle professionali tuttavia non sono da sottovalutare perchè:
    – per il rischio neoplastico non vi sono teoricamente valori di soglia;
    – le fibre inalate nel tempo si accumulano nell’organismo e accrescono progressivamente il rischio (probabilità) di provocare danni (soprattutto gli anfiboli);
    – tra la popolazione esposta sono compresi anche i bambini (che eventualmente occupano una scuola con amianto): essi hanno una lunga aspettativa di vita ed hanno perciò più possibilità di sviluppare il tumore;
    – l’esposizione “civile” è una esposizione vera poichè normalmente gli occupanti un edificio con amianto non portano mezzi di protezione delle vie respiratorie, a differenza dei professionalmente esposti.

  26. @tutti: la finite di scannarvi? Prendete quello che di buono ha detto Pietro e quello che di buono ha detto lo studente: non bisogna creare falsi allarmismi mettendo delle voci che sono ESAGERATE; allo stesso tempo, considerato che comunque è un rifiuto PERICOLOSO, sebbene questo crei danni solo se inalato in grosse quantità, non è un buon motivo per lasciarlo marcire nelle campagne e per gettarlo come rifiuto “normale”. Ci sono delle leggi e dovrebbero essere rispettate. Punto.

    Sulle falde acquifere non so nulla. Non è il mio campo. Ma spero di non sentire tra 10 anni che un nuovo studio dimostra che l’amianto non è pericoloso solo se inalato, ma che può anche inquinare le falde. Insomma:

    NIENTE ALLARMISMI MA TOGLIAMO QUESTO SCHIFO DI AMIANTO DALLE STRADE!

    Saluti ^^

  27. Dico quello che dico sulla base del fatto che studio ore ed ore e non mi faccio fare la predica da un branco di “cucuzzuna”!
    Non mi venite a dire cosa è il mesotelioma, il cancro al polmone, le leucemie, l’asbestosi e tutto quello citato, perchè ho studiato tutte queste cose ed ho visto molti pazienti malati con queste malattie!
    Non venite a fare iprofessorini, voi casalinghi, muratori, panettieri, idraulici o che so io… lavori onesti ma non addetti ai lavori!
    Detto questo, visto che in questo blog ed in questa discussione non c’è possibilità di confronto, ma solo voglia di sovrastare gli altri con le proprie convinzioni più o meno fondate, mi rifiuto di continuare!
    Complimenti! Avete bloccato una discussione dove c’era confronto, scambio di idee, informazioni ed opinioni!
    Quando però le vostre opinioni cozzano con quelle degli altri questi sono merde e devono essere schifati mentre voi siete oro!

    Studio con le corna calate dalla mattina alla sera e parlo con cognizione di causa e PRETENDO RISPETTO!
    Complimenti a chi gestisce il blog… solo che devo dire che la gente che lo frequenta non è graziosa come il blog!

  28. @scienziato..dott…prof..esimio ignorante in medicina
    1) il rispetto non si pretende ma si conquista dicendo cose sensate e non cavolate.
    2) l’amianto e’ considerato rifiuto speciale e poco mi importa se per causare il cancro mi devo iniettare per via endovena le polveri di eternit… e’ cancerogeno e pertanto va TOLTO DA QUESTO C:::O DI STRADE!!!!
    3) impara ad avere piu’ rispetto per chi pur facendo il muratore o il contadino vorrebbe vedere le strade sgombere di amianto…
    4) se a casa tua avete ancora i recipienti d’amianto e’ un tuo problema e una tua scelta…
    5) sai quante volte la medicina ha cambiato idea riguardo un mare di malattie????
    quindi carissimo studente in medicina alza un po le corna (lo hai detto tu) e collegati un po’ di piu’ con il resto del mondo…

  29. Hai fatto bene a non continuare, avresti fatto ancora più danno.
    Offendere i casalinghi, i muratori, i panettieri e gli idraulici, non mi sembra indice di grande cultura, anzi.
    Anche io ho visto malati con questa malattia e non c’è bisogno di dare qualche materia in medicina, per capire quanto è devastante questa malattia.
    Stai con c..na calate dalla mattina alla sera, ma nemmeno io quando studiavo ero da meno.
    A volte anche la notte e la mattina presto, quindi non fai nulla di speciale.
    Volevi fare sfoggio della tua presunta cultura, ma hai toppato clamorosamente.
    Ha ragione Pietro,
    l’amianto va tolto e anche alla svelta, se non vogliamo correre il rischio di fare danno.
    Nessuno ha usato quella parola sinonimo di feci ed escrementi, e non si è detto che devono essere schifati.
    impara a leggere e capire le cose.
    Concordo con Pietro, si deve bonificare Misilmeri.

  30. Se qui c’è un cucuzzuni questo sei tu, studente.
    Non ti permetto di offendere l’intelligenza umana.
    L’amianto è cancerogeno e non importa in quale percentuale viene inalato.
    E’ cancerogeno e deve sparire al più presto.
    Non ti issare a posizioni che non ti competono.
    Hai detto la tua e hai toppat in modo clamoroso, specialmente perchè ti sei fregiato di essere uno studente in medicina.

  31. Per prima cosa rispondo a Pietro: L’eternit inizia ad essere dannoso qualora respiri le sue polveri, e poi diventa dannoso se respiri le polveri per molto ma molto tempo. L’amianto divenne giudicato pericoloso quando iniziarono a morire operai che per dati motivi indossavano tute di amianto, e se non sbaglio correggetemi, da un lato l’amianto protegge dal calore o fiamme ma dall’altro lato se sottoposto al calore diventa cancerogeno. Ora se uno indossa una volta una tuta di amianto non muore se la indossi 2 volte non muori 3 volte non muori. Li si parlava di operai che per ore al giorno, e per anni avevano adosso sto veleno. Studente in medicina le onde emesse dai ripetitori telefonici non farebbero male se trasmettono con potenze che rientrano nella norma. Ma dimmi le miriadi di antenne che abiam a Misilmeri rientran nella norma?io dico di no, basti pensare il negozio 24s video, di fronte ci sta un antenna abusiva della 3. Quando essa entrava in funzione e iniziava a pompare energia, al negozio impazziva la qualunque cosa. Sei mai stato in un palazzo a palermo dove ci son si e no 4 antenne di telefonia? se si dovresti sapere che i mal di testa non son normali, e chi abita 24 ore su 24 ore in sti palazzi ormai è assuefatto. Allora se dici che i ripetitori non fanno male, fai la prova risiedere vicino ad un ripetitore, tanto qua a Misilmeri non ne mancano. Ci stai vicino un paio dore al giorno, per circa un paio di mesi, e poi ci saprai dire. In quanto alle misure radioelettriche, definisci le misure partendo dal fatto che un normale cellulare in trasmissione sprigiona si e no 5-10 milliwat. Si raccomanda sempre di non usare il cellulare in tx mentre è collegato all’alimentazione perchè la potenza tenta ad aumentare, ma rimaniam sempre nei limiti. Un ripetitore emette potenze nei limiti? corregimi se sbaglio, ste antenne si collegano tra loro a vista, se a misilmeri ci fossero 7 antenne vodafone sparse per il territorio allora le potenze rientrano nella norma. Ma ci son gli ambientalisti che vogliono un antenna sola per operatore, ed una singola antenna deve fare uscire il segnale dal paese, e come mi insegni un segnale a 1800mhz è sogetto ad ostacoli fisici, cioè basta anche una casa nella sua traiettoria per bloccare il segnale. Allora il rimedio per sopperire a ciò qual’è? pompare potenze che vanno fuori norma, e come dice una legge di fisica: aiutami a rielaborarla. Un segnale ad alta potenza e ad alta frequenza che attraversa un corpo e capace di modificare le molecole del tessuto vivente. Lo sò non lavrò espressa bene, ma essa è il principio del forno a microonde, ed esso non è altro che un ricetrasmettitore a circa 2500 mhz che spara dai 600watt al kw, e le frequenze telefoniche mi sembra che vanno dai 1800 mhz ai 1900 mhz dipende l’utilizzo. Morale della favola il cellulare è innoquo 2 ore di fila a parlare al cellulare equivale all’utilizzo del comune asciugacapelli. Quello che frega son le antenne, che per frequenza unita a potenza, dovrebbero essere montate fuori paese non in centro abitato, ma siccome si sà cìè il businness, chi si prende la responsabilità di andare nelle case dove ci son comignoli finti e strappare le antenne abusive?

  32. l’amianto fa male anche a basse dosi…sono morte di mesotelioma anche persone che nn lavoravano direttamente con l’amianto…le mogli dei lavoratori, solo per il semplice fatto di lavare la tuta e i vestiti ai loro mariti….sono morti impiegati del grattacielo dalla rai di torino solo per il semplice fatto di lavorare negli uffici dove l’amianto era stato impiegato cm materiale ignifugo ecc ecc…l’amianto è stato dimostrato cancerogeno solo per le vie respiratorie..ad oggi nn è stata stabilita una soglia minima per la quale il rischio di contrarre mesotelioma pleurico e carcinoma polmonare sia nullo…quindi nn “scassate” l’amianto e buttatelo nei cassonetti e per strada….ricordatevi: per raggiungere uno spessore di un capello occorrono 35.000 fibre di amianto…la fibra(a forma di ago) è talmente piccola che una volta entrata nei polmoni si conficca in essi,nn potendo più essere espulsa all’esterno.
    IL MESOTELIOMA PLEURICO è UN TUMORE MALIGNO CHE SI MANIFESTA ANCHE DOPO 30 DALLA PRIMA ESPOSIZIONE ALL’AMIANTO E CHE HA UNA PROGNOSI DI 6 MESI 1 ANNO DALLA DIAGNOSI

    VI CONSIGLIO DI VEDERE QST DOCUMENTARIO :http://www.youtube.com/watch?v=wn0Yk-mmdgc&feature=related

  33. lascio ad altri i commenti colti e pongo una semplice domanda: utilizzare per farsi la doccia l’acqua di recipienti in eternit è pericoloso o no? grazie

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: