• Visitatori sul Blog

  • Statistiche

    • 2,730,756 visitatori

Domenica il sindaco incontra il Comitato Piano Stoppa – Gibilrossa

I Componenti del Comitato Civico “Nuova Alba”, Piano Stoppa e Gibilrossa, hanno chiesto ed ottenuto un incontro con il Sindaco Pietro D’Ai e la Giunta Comunale di Misilmeri  che si svolgerà domenica 28 novembre 2010 alle ore 10,00 presso l’Aula Consiliare.

Oggetto dell’incontro, definire una linea programmatica e risolutiva, a breve, medio e lungo termine  su alcune Problematiche che affliggono i Territori di Piano Stoppa e Gibilrossa.

In particolare verranno trattati i seguenti argomenti:

  • Fognatura Comunale (Lavori già inseriti nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche);
  • Obelisco di Gibilrossa – Lavori di riqualificazione e istallazione Impianto di Video Sorveglianza (Lavori già inseriti nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche);
  • Impianti Sportivi di Piano Stoppa – Completa Manutenzione degli Impianti Sportivi (Lavori già inseriti nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche);
  • Impianto Illuminazione Pubblica – Anello Cimitero Comunale (Progetto già approvato da Codesta Amministrazione);
  • Opere di Intervento straordinarie dei Canaloni di Piano Stoppa – (Finanziamento di €. 2.000.000,00 Assessorato Territorio e Ambiente – Regione Siciliana);
  • Manutenzione straordinaria e ordinaria delle carreggiate stradali ed in particolare la Strada del Miravalle;
  • Metanizzazione Territori di Piano Stoppa e Gibilrossa;
  • Randagismo – Disinfestazione e derattizzazione dei Territori;
  • Vari ed eventuali.

Con una ulteriore nota inviata anche a tutti i Consiglieri Comunali, il Comitato chiede di sottoporre a Verifica Tecnico Amministrativa, cosi come previsto dal vigente PRG, la Zona denominata Piano Stoppa,  di ottenere una trasformazione Urbanistico-Edilizia che comporta una variante al Piano Regolatore Generale vigente, variante consistente nel tradurre l’ambito urbanistico al quale si riferisce, attualmente “zona E6 (“verde agricolo con densità edilizia esistente superiore all’indice di zona)”, in ambito Zona di Espansione Urbana, Residenziale o Similare – Tale richiesta è avanzata al fine di dare una migliore regolarità ai già numerosi insediamenti presenti a Piano Stappa, ed ai futuri, se lo strumento urbanistico lo consentirà.

Il Presidente Giovanni Orlando

2 Risposte

  1. mi auguro che il presidente del comitato si sappia giocare bene le sue carte per poter migliorare questa bellissima contrada.

  2. Ca che viene a dire? perciò tutte queste cose non ce le avessimo a dare ai paesi di piano stoppa e gibbularossa? certo ca se è per i ragazze che devono antare a scuola allora uno dice che magari è giusto andalli a prendere con lautobuss , ma ca ci avessimo a fare un paese nuovo mi pare che questi si volessero fottere la mano con tutto il vrazzo. certo ca bello è, uno se ci deve fare la fognatura che loro macari ci vengono le malatie e la cosa è di urgenza che non è giusto che s’ammalano e il comune ci deve pensare e macare l’usle pure che veramente ci dovevano pensare prima di falle costruire visto che poi il papocchio si combinava e l’abbusive poe pretendono che macari ci facciamo le case nove quando vene il terremoto o macare visto che siamo al piano stoppa si ci allaga e ci va a finire a come quelli di là sopra nel veneto, ca mio patre mai ci vose comprare che veniva la malaria mi diceva e loro che sono più scarti addirittura ci vanno a stare nell’estate che cè a zanzara e a mosca. ma dico io na 60 anne di zappare avessi a pretentere che ci dovessimo pagare cose che manco nel paese abbiamo? ma ci volesse macari un poco di starse zitte e farsele loro le cose visto che queste paesi se le sono costruite loro e mae son state pensate e proggettate. visto che bravi furo a fondalle ste città ca armeno se staccassero e si fanno il sintaco e i sordi se li mettono loro, non capisco perchè io ci dovessi pagare tutte queste cose che manco qua sotto abbiamo noi. spero che sè capito il concerto della mia discussione e scusassero se uno si incazza ma poi rico macare ci stassero paesane , e infatte i paesane lo sanno che al chiano stoppa non è bono abbitaricce e loro invece ci costruero e ci vonno le cose da noi che mai ci abbiam pensato a espantere il paese la sopra e loro lo volessero espanduto, ma dico ma stiamo babbiando. noi che il territorio lo conosciamo ci stamo attente a lasciare la sopra campagna che è macari nutule ca ci vonno le pile di ligno pi cogghere racina e loro invece ca si sentono chiù scarte ci ficiro a cittade e ora ricino fatine a cittade che ca ci vonno le cose: ma picchì a tia cu tu risse di iore a farite a casa na pozzanchera. scusate se ora nell’ultima parte ho scritto in siciliano ma cuando mi nervosisco mi saliscono i nervi e non mi controllo.scusate.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: