• Visitatori sul Blog

  • Statistiche

    • 2,730,756 visitatori

Banda del racket in manette, coinvolta “famiglia” di Misilmeri

Una imponente operazione antimafia e antiracket, è stata condotta nella notte dalla polizia a Caltanissetta. La squadra mobile ha eseguito 23 ordini di custodia cautelare in carcere, emessi dal Gip del tribunale, Lirio Conti, su richiesta della Dda nissena. Sgominata la famiglia mafiosa che da anni imponeva il “pizzo” in città e gestiva alcune aziende tramite insospettabili prestanome. L’operazione, denominata “Redde Rationem” (resa dei conti), coinvolge “picciotti” ed esponenti locali di Cosa Nostra ma anche alcuni boss delle altre “famiglie” di Gela, Riesi, Mazzarino, Canicattì, Misilmeri, con cui erano in stretto collegamento. Rilevante il contributo fornito alle indagini da sei collaboratori di giustizia. “L’inchiesta, che è la prosecuzione di un’altra indagine, la “Free Town” – dice il capo della squadra mobile, Giovanni Giudice – ha consentito di delineare gli assetti organizzativi, i legami operativi e gli interessi nei vari settori di attività (in particolare nell’edilizia), della famiglia mafiosa di Caltanissetta, facendo inoltre risaltare lo spessore criminale di alcuni appartenenti alla stessa organizzazione malavitosa”.

12 Risposte

  1. Sarei curiosa di sapere chi sono queste illustre famiglie che disonorano la nostra cittadinanza.

  2. galera e buttare le chiavi nella fossa delle marianne!!!
    non e’ concepibile che chi lavora onestamente debba pure pagare il pizzo!

  3. MMMAAA MALE COSE…..

  4. L’omertà di questo paese è sconcertante. Vorrei capire chi sono le persone che hanno votato contro la mia curiosità di sapere chi era l’illustre persone che è stato accusato di depotenziare il cemento e di costringere le ditte a comprare da loro chiedento tangente. Finchè non si fanno nomi e cognomi questo paese non cambierà mai.

  5. Vedete aimè il paese è pieno zeppo di gente che si dà arie, come si dice che si “”ANNACA”””!! Si fanno belli, si fanno grandi, ma alla fine vanno a finire sempre là : a fare a fine di l’acidduzzi rintra na gargia.

  6. A Maria Concetta: una ditta che prima apparteneva
    ad un socio tuo omonimo .Io ti ho guidata, il resto intuiscilo da te.

  7. M. C. cerca su Caltanissetta: operazione “Redde rationem” e ” Free Town”.

  8. Grazie Adele, ma già mi è arrivata la notizia, é il nostro concittadino G*** A*** con la sua impresa ad essere finita nel mirino della magistratura,e se è vero quello che ha scoperto la magistratura è un affare molto ma molto grave per la nostra cittadinanza, a me spiace per le famiglie che sono state messe in mezzo alla strada chiudendo quell’impresa, e sono solidare con loro,ma questo è il prezzo che si paga in sicilia,beffati spesso due volte, sotto pagati, e poi da un giorno all’altro senza lavoro,sol perchè inconsapevolmente e senza colpa si ritrovano a lavorare alle dipendenze di ********.

  9. Nei mesi scorsi avete pubblicato nomi e cognomi di persone che sono state arrestate perchè hanno buttato copertoni, lavatrici e roba varia in posti che non dovevano,come avete scritto in questo blog i nomi di altre persone che hanno commesso inflazioni di vario genere,perchè quello di G*** A*** me lo censurate? Ci sono persone di serie A e di serie B?

  10. Sig.ra Schimmenti per noi non ci sono persone di serie A e di serie B…
    Per noi ci sono delle regole, dettate spesso dal buon senso !
    A noi NON risulta che la persona in questione sia stata arrestata… se a lei risulta il contrario, ce lo comunichi, o ci comunichi le sue fonti .
    Visto che ha notato che noi mettiamo i nomi… avebbe dovuto ANCHE notare che soprattutto in questi casi, mettiamo le fonti.
    Lei come altre persone, notate soltanto una parte di ciò che vi interessa, noi, per il nostro ruolo, dobbiamo notare o cercare di notare tutti gli aspetti .
    Grazie

  11. Rileggendo quello che ho scritto sopra non vedo assolutamente che io ho parlato di questa persona dicendo che l’hanno arrestata,come non mi sono permessa di dire che abbia commesso un reato,questo di certo non è mio compito, ma lo è della magistratura.Ho riportato un fatto scritto sui giornali e riportato dai tg della nostra regione. Quello che mi ha fatto pensare è il fatto che di solito mettete nomi e cognomi delle persone cn tanto di foto, e in questo caso censurate come se fosse minorenne, io il nome l’ho letto sui giornali, mica me lo sono invetata.Poi voi stessi nell’articolo sopra che avete pubblicato parlate di famiglie mafiose sgominate e di Boss, mettendo in grassetto, facendo notare che ci stava una famiglia Misilmerese, riportando anche Misilmeri in grassetto.

  12. Vi rifiutate di dire i nomi? Nulla da eccepire, ma solo se la regola vale per tutti. Invece, QUOD LICET IOVI NON LICET BOVI. Bene. Allora dite CON.BI.VAL….,come è stato pubblicato da Il giornale di Gela il tre Dicembre ,e così salvate capra e cavoli.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: