• Visitatori sul Blog

  • Statistiche

    • 2,760,143 visitatori

I Fuori Zona si esibiscono al “Replay”

Hanno già vinto ben due edizioni dei Misilmeri Oscar, e quest’anno hanno avuto il piacere oltre che l’onore di cantare sul palco dell’Ariston durante Sanremo Rock.

Stiamo parlando de: I Fuori Zona, band formata da Giusppe Oliveri e Piero Costa alle chitarre, Giusto Falletta al basso, Stefano Vitrano alla batteria, con la voce  di Marco Lo Gerfo, tutti rigorosamente Misilmeresi.

La band Misilmerese si esibirà venerdì 16 presso il locale “Replay” sito in via Montepellegrino a Palermo a partire dalle 22:00 l’ingresso sarà gratuito, una buona occasione per trascorrere una serata in compagnia della buona musica Misilmerese.

Annunci

Al via circolazione a targhe alterne a Palermo.

Da oggi lunedì targhe alterne in quasi tutta la città. Entra in vigore l´ordinanza che estende il provvedimento finora valido solo in centro. Nei giorni dispari potranno circolare solo le auto con targa dispari. Nei giorni pari toccherà alle auto pari. I limiti saranno validi dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 20. Sabato, domenica e festivi sono esclusi dal provvedimento. Nessun divieto sulla circonvallazione e sulle strade di Mondello, Sferracavallo e nella zona tra Bonagia e Cruillas. Potranno circolare ovunque le auto euro 4 e 5 o a metano, bici e moto a 4 tempi. Previste anche deroghe per diverse categorie professionali, tra cui: distributori di alimenti deperibili e pasti mensa, medici e veterinari per visite urgenti, malati sottoposti a terapie indifferibili per gravi patologie come dialisi e chemioterapia, disabili per comprovate esigenze sanitarie.

Tratto da GDS

Presi altri due boss!!! Avanti così!!!

Due pericolosi boss inseriti nella lista dei 30 superlatitanti d’Italia sono stati catturati a Palermo e Milano. Nel capoluogo siculo è finito in manette Gianni Nicchi, 28 anni, considerato il numero due di Cosa Nostra a Palermo. A Milano è stato arrestato Gaetano Fidanzati, 74 anni, uno dei capimafia storici di Palermo. Tra l’altro, entrambi erano “specializzati” nel traffico di droga. Gli arresti sono stati eseguiti dalla Polizia. Gli agenti della sezione Catturandi della Squadra Mobile di Palermo hanno scovato Gianni Nicchi in un appartamento di via Filippo Juvara, nel capoluogo siciliano, a pochi passi dal palazzo di Giustizia. Il capomafia viene considerato il numero due di Cosa Nostra a Palermo. L’ultimo avvistamento di Nicchi risaliva al maggio 2006. Ritenuto il pupillo di Antonino Rotolo, capo del mandamento di Pagliarelli, sarebbe anche coinvolto in un traffico di cocaina dall’America. Sono in corso perquisizioni, non solo nell’appartamento localizzato dai poliziotti. Confermando l’arresto, il vicedirigente della Squadra Mobile, Antonio de Santis, ha spiegato che cattura, di colui che, nonostante i suoi 28 anni, è considerato il principale boss della mafia palermitana dopo l’arresto di Raccuglia, si sarebbe concretizzato nelle ultime 48 ore, quando gli agenti della Catturandi, guidati da Mario Bignone, si sono detti convinti di avere individuato il latitante, reggente del mandamento Pagliarelli. Contemporaneamente, a Milano, è stato preso Gaetano Fidanzati che, come Nicchi faceva parte della lista dei 30 superlatitanti della criminalità organizzata. Gli agenti della Squadra Mobile lo hanno sorpreso in pieno centro, in via Marghera, mentre era in compagnia del cognato. L’uomo dapprima ha cercato di opporre resistenza, poi ha chiesto una sigaretta ai poliziotti. Fidanzati, nato a Palermo nel 1935, ricercato per associazione mafiosa nell’ambito dell’operazione “Perseo”, è considerato il reggente del mandamento di Palermo-Resuttana. Già affiliato alla “famiglia” di Bolognetta, dopo la sua scarcerazione per fine pena nel maggio 2007, ha assunto prima la carica di reggente della “famiglia” di Palermo- Acquasanta e poi dell’intero mandamento. Fidanzati era latitante dal 16 dicembre del 2008.

TgCom

I tamburinai di San Giusto a Tgs Studio Stadio

Un pò tutti i vincitori della scorsa edizione dei Misilmeri Oscar, stanno continuando il loro percorso virtuoso.

Apprendiamo, con soddisfazione, che i Tamburinai di San Giusto parteciperanno alla trasmissione Tgs-Studio Stadio in diretta sull’emittente televisiva siciliana Domenica a partire dalle 14:30.

I vincitori degli Oscar nella categoria “Musica popolare e folklore” proveranno con la loro “tammurinata” a portare un pò di fortuna al Palermo, per la prima volta guidato  in campionato da Mister Delio Rossi, impegnato nella difficile trasferta di Verona, il Chievo è infatti avversario non semplice specie per una squadra come il Palermo ancora in rodaggio.

In bocca al lupo ai nostri amici Tamburinai, cercate di suonargliene 4 al Chievo!

 

Palermo si candida per le Olimpiadi 2020!

palermo 2020Ecco una notizia che non ti aspetti! Noi Siciliani da sempre abituati a vedere i grandi eventi dello sport comodamente seduti in poltrona, potremmo essere addirittura gli organizzatori delle olimpiadi.

Dopo l’assegnazione delle Olimpiadi del 2012 alla citta di Londra, e quelle del 2016 alla citta di Rio De Janeiro, l’Italia si è prepotentemente fatta avanti per organizzare la manifestazione. Oltre al nostro capoluogo di regione si sono candidate anche Venezia e Roma, unica città Italiana ad aver ospitato le olimpiadi nel lontanto 1960

La nostra candidatura sarà presentata ufficialmente giovedì a Roma alle 15.30 nella sede dell’Associazione Stampa estera in Italia,dal presidente della Regione, Raffaele Lombardo, e dall’assessore regionale al Turismo e allo Sport, Nino Strano.

Amici Siciliani non ci resta che sognare… Atene 2004, Pechino 2008, Londra 2012, Rio de Janeiro 2016, Palermo 2020!!!

Influenza A: Chiude una scuola a Palermo

jpg_1742656Primo caso di influenza A in una scuola di Palermo. L´istituto professionale alberghiero Piazza, in corso dei Mille, sarà chiuso da oggi a lunedì perché una ragazza di una quinta è risultata positiva al test del virus H1N1. È stato un infettivologo della Asp 6 a confermare gli esiti delle analisi: la decisione della chiusura è arrivata ieri nel tardo pomeriggio. Sui cancelli dell´istituto – che conta 2.500 studenti, 97 classi e 300 tra docenti e personale amministrativo ed è la scuola più grande della città – è poi apparso un cartello che annunciava lo stop all´attività didattica parlando di «motivi di disinfezione» e scusandosi per il disagio.

Ieri sera tra i docenti è subito scattata una corsa al telefono per sapere chi stesse bene e chi invece stesse cercando di nascondere la propria preoccupazione. Anche tra i ragazzi si è diffuso un certo allarme, ma stavolta il mezzo scelto per comunicare è stato Facebook. Ad aumentare la preoccupazione dei ragazzi, anche alcuni ulteriori casi di stati febbrili. La vicepreside, Enza Randazzo, ha convocato per questa mattina una riunione con i suoi collaboratori più stretti e con le autorità sanitarie per decidere il da farsi.

Quello registrato nell´istituto Piazza è il primo caso certo di influenza A in una scuola di Palermo. In città il virus era sbarcato la settimana scorsa quando, al Civico, una donna di Bagheria di 46 anni, Maria Concetta L. C., è risultata colpita. Era tornata una settimana prima da una crociera con dieci parenti nel Mediterraneo. «Non credo sia malata» diceva il marito prima che uscisse l´esito delle analisi effettuate al Policlinico. Poi, dopo la positività confermata, la donna era stata trasferita al Cervello, nel reparto malattie infettive, e posta in isolamento. Le sue condizioni, comunque, non erano giudicate gravi dai sanitari.

Repubblica

Nubifragio: a Messina è strage, “situazione critica”

Italy MudslidesLa sicilia orientale devastata da un potente nubifragio. Nel momento in cui vi scriviamo sono 9 i morti accertati, una trentina i feriti e venti i dispersi, si scava anche con le mani nel tentativo disperato di estrarre i corpi dal fango.

La zona più colpita da frane e smottamenti è tra i comuni di Scaletta Marina, Giampilieri, Briga e Scaletta Zanchea: un’area di circa 3,5 chilometri.

Bertolaso, responsabile della protezione civile ha definito la situazione critica e molto seria, intanto la Messina – Catania è interrotta, dunque i soccorsi possono giungere solo da Palermo o dalla Calabria.

Il Nubifragio ha colpito anche Palermo, causando il parziale allagamento del pronto soccorso dell’ospedale Buccheri La Ferla e di alcuni reparti dell’ospedale Civico. Nella borgata di Belmonte Chiavelli ci sono state delle frane e gli abitanti che erano tornati nelle proprie case dopo le piogge dei giorni scorsi sono di nuovo sfollati. Allagamenti e disagi anche a Trapani, Valderice e Mazara del Vallo.

La redazione di Misilmeri Blog esprime il proprio cordoglio alle famiglie della vittime

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: